Ulti Clocks content

Login



La terra trema ancora Stampa E-mail
Venerdì 26 Agosto 2016 08:28

Altra notte di paura, nuove scosse e crolli ad Amatrice. Sale il bilancio delle vittime: 267. Sono oltre 380 i feriti

 

 

Nelle tendopoli che accolgono la gente del terremoto del Centro Italia, costretta a lasciare le case inagibili, l’attività di protezione civile e volontari non si è fermata neppure per un momento. Nemmeno di notte. Tutti hanno sentito le nuove scosse, continue, 57 dalla mezzanotte, 928 dall’inizio dello sciame. La più forte che stava già facendo giorno, alle 6.28, magnitudo 4.8. Nuovi crolli si sono verificati nel centro di Amatrice, ma non hanno per fortuna coinvolto le squadre dei vigili del fuoco che questa mattina hanno estratto il corpo di una donna dalle macerie di piazza Sagnotti. È salito a 267 morti l’ultimo bilancio delle vittime. Per le lesioni causate dalle nuove forti vibrazioni è stato chiuso il Ponte a Tre Occhi sulla strada regionale 260, importante via di accesso verso il comune di Amatrice anche per i soccorsi. Sono oltre 2mila le persone impegnate. La loro è una corsa contro il tempo: sono state estratte vive finora 238 persone. Ad Arquata del Tronto e nella frazione di Pescara del Tronto non ci sono invece nuove segnalazioni di dispersi ed è cominciata la fase di messa in sicurezza degli edifici. Intanto si pensa ai funerali. Quelli delle vittime marchigiane del terremoto si terranno domani mattina ad Ascoli Piceno, in Duomo. Sarà presente il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

 

 

Le vittime  

Sono 267 i morti secondo l’ultimo bilancio della Protezione Civile, tracciato questa mattina dal capo del dipartimento di emergenza, Titti Postiglione. A pagare il tributo più pesante è Amatrice con 207 morti, 11 ad Accumoli, 49 nella zona di Arquata nelle Marche. I feriti ospedalizzati sono 387. Molti sono già stati dimessi. 

LEGGI ANCHE Nonni e nipoti sotto le macerie. Le due generazioni cancellate  

Le scosse continue  

Dall’inizio della sequenza sismica, dopo la più forte che ha provocato morte e devastazione, si sono susseguite 928 scosse. Solo dalla mezzanotte di oggi sono state 50, compresa quella di magnitudo 4.8 delle 6.28 di questa mattina in seguito alla quale è stato chiuso il Ponte a Tre Occhi sulla strada regionale 260, importante via di accesso verso il comune di Amatrice anche per i soccorsi. Al momento sono in corso verifiche con esercito e vigili del Fuoco per individuare vie di accesso alternative. 

50 milioni di euro per l’emergenza  

Ieri sera sono arrivate le prime misure decise dal consiglio dei ministri: deliberato lo stato d’emergenza con un primo stanziamento - ha annunciato il premier Matteo Renzi - di 50 milioni di euro. Gli interventi saranno coordinati dalla Protezione civile. Stabilita anche la sospensione, nelle aree interessate dal sisma, degli adempimenti fiscali. Ieri si è riunita la Commissione Grandi Rischi per fare un’analisi di quanto accaduto. 

LEGGI ANCHE Le misure antisismiche che l’Italia progetta ma esporta e non usa  

Un arresto per sciacallaggio  

Nei paesi distrutti, Amatrice, Accumoli, Pescara del Tronto, ciò che resta delle case è controllato dalle forze dell’ordine, che identificando chiunque si avvicini. Ieri c’è stato il primo arresto, ad Amatrice, per sciacallaggio. I carabinieri hanno fermato un 45enne originario di Napoli, pluripregiudicato, che tentava di introdursi in un’abitazione forzandone la porta con un cacciavite. 

LEGGI ANCHE Giocattoli, chitarre e voglia di libri. Prove di vita normale  

Le indagini  

La procura di Rieti ha aperto un’inchiesta per l’ipotesi di disastro colposo in relazione al terremoto. Lo ha confermato il procuratore capo, Giuseppe Saieva, specificando che la priorità è però quella «di identificare i cadaveri, farci confermare la causa della morte, che sia da crollo, e poi autorizzare le sepolture. In prosieguo vedremo come procedere».  

 

 

 
Oggi pomeriggio Consiglio dei Ministri che stanzierà 50 milioni di euro per i primi aiuti Stampa E-mail
Giovedì 25 Agosto 2016 09:55

 La terra continua a tremare

 

 

 Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime del terremoto di magnitudo 6,0 la cui prima scossa è avvenuta alle 03:36 del 24 agosto 2016 tra le province di Rieti e Ascoli Piceno. Secondo i dati della Protezione Civile ci sono 247 morti ufficiali.

Ma il numero è destinato inesorabilmente a salire.
La maggior parte dei morti ad Amatrice, dove alle 7,30 di questa mattina, come ha comunicato in diretta al microfono di Rainews24 il sindaco erano stati contati 190 corpi.

"Ma qui sono molti di più - ha precisato il primo cittadino di Amatrice- e tra le situazioni più critiche c'è l'albergo Roma. Una struttura di cemento armato che tuttavia si è ripiegata su se stessa. Pensavamo che l'albergo fosse al completo, ma poco dal registro degli ospiti recuperato dai Vigili del Fuoco sembrerebbe che non tutte le camere fossero occupate".

 Intanto la terra continua a tremare nelle province di Rieti, Ascoli Piceno e Perugia, segnala la nota di aggiornamento pubblicata sul dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (INGV). L'ultimo aggiornamento delle ore 7.00 rivela che "sono state registrate numerose repliche e sono 39 gli eventi sismici localizzati di magnitudo pari o maggiore di 3.0. I più forti sono avvenuti nella zona di Norcia (PG) alle 04:32 e alle 04:33 con magnitudo, rispettivamente del 5.1 e 5.4 .

Nel pomeriggio, è stato indetto un Consiglio dei Ministri straordinario, dove saranno stanziati 50 milioni di euro per i primi aiuti alle persone compite dal sisma. Intanto, dopo la prima notte in tenda per le migliaia di sfollati che sarebbero circa 4mila tra Lazio e e Marche, non si ferma il lavoro incessante dei soccorritori che continuano a scavare tra le macerie nella speranza di trovare persone ancora in vita.

Renzi, arrivato sul luogo da cui ha avuto origine il sisma nel tardo pomeriggio di ieri ha avuto un Summit con la Protezione Civile.

"L'emergenza avrà un lungo periodo di gestione, dovremo essere tutti all'altezza di questa sfida", ha detto Renzi da Rieti, mentre da Palazzo Chigi aveva assicurato: "non lasceremo nessuno da solo".

"Parlare di ricostruzione è senz'altro prematuro nella discussione, ma tutti noi sappiamo perfettamente che la credibilità e l'onore di tutti noi sarà nel garantire una ricostruzione vera che consentirà agli abitanti di vivere, di ripartire", ha affermato il Premier.

Molti i messaggi di cordoglio arrivati da tutto il mondo, dal Presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker che si è detto "profondamente rattristato dalla notizia del terremoto che ha colpito l'Italia centrale".

Il Presidente francese Hollande si dice pronto ad aiutare in ogni modo: "La Francia si tiene pronta a fornire alle autorità italiane tutto il supporto che dovesse rivelarsi necessario nelle ore e nei giorni a venire".

Anche il cancelliere tedesco Angela Merkel esprime la compassione del suo popolo all'Italia.

Il Presidente USA Barack Obama si è sentito al telefono con il Presidente Mattarella per portare il suo messaggio di conforto al Paese.

 

fonte teleborsa.it

 
Il bilancio dei morti è destinato ad aggravarsi e potrebbe superare quello del terremoto a l'Aquila del 2009. Tra loro ci sono molti bambini. Centinaia i feriti Stampa E-mail
Giovedì 25 Agosto 2016 05:33

Sisma nel centro Italia: notte di ansia, paura e ricerca dei dispersi

 

 

E' salito a 247 il numero dei morti accertati, secondo l' ultimo bilancio diffuso dal Dipartimento della Protezione Civile. Le vittime sono 190 nel Reatino e 57 nell'Ascolano. Alle 5:17 nuova scossa di magnitudo 4.5, chiaramente avvertita in Marche e Lazio.

 
Ingv: "Attivitá ancora piena e forte, finora 250 scosse". Migliaia gli sfollati tra Amatrice, Accumoli, Pescara del Tronto ed Arquata Stampa E-mail
Mercoledì 24 Agosto 2016 20:13

Terremoto, Renzi: ''Almeno 169 morti". Si scava senza sosta tra le macerie

 

 È di almeno 169 morti il bilancio del sisma di magnitudo 6 che alle 3,36 della scorsa notte ha scosso il centro Italia, devastando una serie di centri tra Lazio, Umbria e Marche. Il numero lo ha fornito il premier Matteo Renzi, ma il bilancio potrebbe ancora aumentare. Sono migliaia gli sfollati mentre si continua a scavare nei centri colpiti, ancora al centro di uno sciame sismico come conferma l'Ingv. La situazione sismica nella zona del terremoto infatti  "continua ad essere di forte attivita con molte repliche che si susseguono nell'area". TUTTI I VIDEO DELLA TRAGEDIA

 

FONTE ANSA.IT

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 1507

Notizie Flash

AIUTO

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information