Ulti Clocks content

Login



Svelato dalla sonda Juno, dà indizi sul 'cuore' del pianeta Stampa E-mail
Sabato 08 Settembre 2018 07:00

Il campo magnetico di Giove è un groviglio

 

 Ricostruzione del bizzarro campo magnetico di Giove, basata sui dati della sonda Juno (fonte: Moore et al./Nature)  © Copyright ANSA/Ansa

Il campo magnetico di Giove è un bizzarro groviglio, unico nel suo genere: ad aver trovato il 'bandolo della matassa' è la sonda Juno della Nasa, che durante otto delle sue orbite intorno ai poli è riuscita a catturare dati inediti del pianeta fino ad una profondità record di 10.000 chilometri. E' stata così prodotta una mappa che mostra con un dettaglio senza precedenti come il campo magnetico di Giove sia molto più strano del previsto e completamente diverso da quello terrestre: i risultati sono pubblicati sulla rivista Nature da un gruppo internazionale di ricerca a cui hanno partecipato enti americani e danesi come la Nasa, l'Università di Harvard e l'Università tecnica della Danimarca.

Della stravaganza del campo magnetico di Giove si era già intuito qualcosa in passato: basti pensare che il gigante gassoso ha un diametro pari a 11 volte quello terrestre e un campo magnetico che è addirittura 20.000 volte più forte. Ora, però, la sonda Juno dimostra che la sua struttura è molto diversa da quella del nostro Pianeta. Se la Terra funziona come una grande calamita, con le linee di forza del campo magnetico che 'escono' dal polo nord e rientrano nel polo sud, Giove presenta una situazione molto più confusa e asimmetrica. Le linee di forza del suo campo magnetico emergono da un'ampia regione dell'emisfero nord e, oltre a finire intorno al polo Sud, rientrano anche in una regione posta subito sotto l'equatore, che i ricercatori definiscono come il Grande punto blu.

Al momento non è chiara l'origine di questo bizzarro campo magnetico, ma i ricercatori ipotizzano che abbia a che fare con la particolare struttura interna del pianeta. Il 'cuore' di Giove potrebbe essere fatto di elio e idrogeno, due elementi non particolarmente conduttivi: secondo alcune teorie, però, la grande pressione interna al pianeta potrebbe determinare la formazione di idrogeno liquido metallico, dotato di una maggiore capacità conduttiva.

 

FONTE ANSA.IT

 
OPINIAO DN.PT Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2018 18:56

Donald Trump, o "Presidente Teflon"

                       

 

O atual presidente dos EUA não é uma figura simpática, afável, nota-se que não frequentou qualquer curso de preparação política, cursos esses que, por norma, são de uso obrigatório nos aparelhos partidários. Por conseguinte, não fala como um político, não tem a manha nem a lábia dos políticos, embora chegue à Casa Branca como republicano.

É frontal e diz aquilo que pensa, embora os momentos em que o faz sejam por norma os mais errados, obrigando-o, desse modo, a emendar a mão logo a seguir. O Deep State não dorme... Donald Trump é um brilhante homem de negócios, habituado a comprar o que quer, mesmo que seja unicamente para satisfazer meros caprichos pessoais, e que se apaixonou pela política, terreno onde não pode haver paixões, nem, tão-pouco, ignorar subtilezas que obrigam a agradecimentos capazes de transformar os sapos em bois.

O milionário Donald Trump conhecia bem os políticos e os negócios que os distinguem, pois com eles conviveu diariamente e fez fortuna, mas só conhecia esse lado como empresário. O outro lado, o lado da política pura e dura, esse desconhecia-o, senão inteiramente, pelo menos na sua parte mais pragmática e implacável.

Nenhum presidente dos EUA teve de enfrentar tantos escândalos (verdadeiros e inventados) e questões legais. Mas nenhum desses escândalos pessoais, ou provenientes de colaboradores ou de ex-colaboradores do seu círculo mais próximo, o derrubou. E tanto assim é que o apelidam de "Presidente Teflon" (material com propriedades antiaderentes que impede os alimentos de ficarem agarrados às frigideiras ou aos tachos e panelas enquanto se cozinha, e de ser fácil a sua limpeza).

As recentes declarações de Michael Cohen, seu ex-advogado, não parecem ser de fácil limpeza, pois aquele causídico confessou (ou foi persuadido a confessar) que, em conjunto com David Pecker (patrão do grupo de comunicação e imagem - American Media, que trabalhou para Trump durante a sua campanha eleitoral), efetuou pagamentos para comprar o silêncio sobre os envolvimentos do milionário candidato à presidência dos EUA com a atriz porno Stormy Daniels e a modelo da Playboy Karen McDougal. Ora isto passou-se entre 2006 e 2007 (cerca dez anos antes da campanha eleitoral), quando, à época, Donald Trump já se encontrava casado com Melania, evitando, com a referida compra, danos na sua imagem de candidato.

A conduta de Cohen é considerada, nos EUA, violadora das leis eleitorais e das normas sobre o financiamento das campanhas partidárias, pelo simples facto de terem sido feitos pagamentos não declarados. E, para justificar esses pagamentos, falsificou faturas da contabilidade oficial da campanha, desviando dinheiro para estabelecer pactos de silêncio.

Mas, seja pela compra do silêncio das velhas aventuras galantes de Donald Trump, seja pela famosa (e fantasiosa) Russian collusion nas eleições americanas de 2016, não será por vias dessas que o "Presidente Teflon", será afastado do Poder (impeached).

Embora os procuradores possam imputar Trump num crime federal - e temos de esperar até 12 dezembro para conhecer a pena de Michael Cohen - a destituição de um presidente nos EUA não é feita por via de uma decisão judicial, mas, sim, através de uma decisão política do Congresso.

A constituição daquele país diz claramente que um presidente pode ser retirado do cargo que ocupa por «traição, suborno ou outros crimes graves». Um «impeachment» começa na Câmara de Representantes, e qualquer deputado pode submeter à votação a proposta de «impeachment» por suspeita de crime praticado pelo presidente, bastando maioria simples dos votos dos deputados para o processo depois continuar no Senado.

No Senado, para ser aprovado o tal «impeachment», há que conseguir, pelo menos, o voto favorável de dois terços dos senadores. O Partido Democrata, figadal e bilioso inimigo de Donald Trump, precisava de conseguir aquilo que não possui, ou seja, dispor de mais vinte e três lugares na Câmara de Representantes e mais dois no Senado.

América da liberdade de imprensa (consagrada na primeira emenda), do federalismo dos estados, da liberdade religiosa, da independência do poder judicial, e tantas coisas mais, derrotar o chamado "Presidente Teflon" apresenta-se, de momento, como uma miragem, e nem as eleições do próximo dia 6 de novembro, que servirão para renovar a Câmara de Representantes e trinta e cinco dos cem senadores, lhe devem tirar o sono. E, para mais, com a economia em acelerado crescimento, e o desemprego a baixar diariamente a níveis absolutamente históricos...

Advogado Joaquim Dantas Rodrigues

Sócio Partner na Dantas Rodrigues & Associados

 
Sono soprattutto i giovanissimi a prendersi lunghe pause dal social network e, a volte, ad abbandonarlo del tutto Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2018 09:44

Fuga da Facebook, sempre più utenti cancellano la app

 

Gli scandali che nell’ultimo anno hanno coinvolto Facebook non sono stati privi di conseguenze per il social network fondato da Mark Zuckerberg. Secondo una ricerca effettuata da Pew Research, nel corso dell’ultimo anno il 42% degli utenti statunitensi ha preso una lunga pausa da Facebook, abbandonandolo per “parecchie settimane o anche di più”. Non solo: il 26% ha ammesso di aver addirittura cancellato l’applicazione dallo smartphone; mentre il 54% ha aggiornato le impostazioni relative alla privacy. 

La ricerca, che ha coinvolto gli iscritti maggiorenni e residenti negli USA, è stata condotta tra maggio e giugno; poche settimane dopo lo scoppio del caso Cambridge Analytica e le conseguenti testimonianze di Zuckerberg davanti al Senato americano e al Parlamento Europeo. 

Nonostante non si siano riscontrate differenze in base allo schieramento politico, c’è invece un chiaro trend generazionale: il 44% degli utenti tra i 18 e i 29 anni ha cancellato la app del social network; una percentuale che scende al 20/24% tra gli over 30 e che è solo del 12% tra chi ha più di 65 anni.

 Il divario generazionale evidenziato dallo studio potrebbe essere un’ulteriore conferma di una tendenza rilevata già da parecchio tempo (e che poco ha a che vedere con gli scandali): tra i giovanissimi, Facebook sta sempre più perdendo presa; a favore di social network come Instagram (sempre di proprietà di Facebook) e piattaforme particolari come Musical.ly.

 

FONTE  Andrea Daniele Signorelli lastampa.it

 
IL 12 SETTEMBRE 2018 AD OSAKA Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2018 07:42

Concerto di Ramin Bahrami e Danilo Rea "Bach is in the air"

 

Il progetto "Bach is in the Air" nasce dalla generosa ambizione di due grandi pianisti di esaltare la modernità e l’universalità della musica di J.S. Bach e di proporla non solo agli amanti della musica classica, ma anche ai giovani che ascoltano solo il pop o il jazz.

L’idea guida di tutto il progetto, spiega Danilo Rea in un’intervista, è stata quella di rispettare ciò che Bach aveva scritto e di provare a unire due discipline, due modi di suonare e di improvvisare su ciò che Bach aveva scritto. Si tratta di un’operazione mai tentata prima, perché, finora, operazioni simili sono sempre state per lo più realizzate da jazzisti, che hanno preso la musica di Bach e l’anno riarrangiata alla maniera del jazz. In Bach is in the Air, invece, i due pianisti cercano di dialogare con la musica di Bach senza snaturarla: un’operazione che è resa possibile perché – spiega Ramin Bahrami- la musica di Bach è, assieme a quella di Carlo Gesualdo da Venosa e di Girolamo Frescobaldi, la più moderna in assoluto ed è destinata a mantenere intatto il suo messaggio e a parlare anche alle generazioni future, proprio per la sua capacità di rivolgersi non solo alle persone colte, ma anche ai bambini.

L’Istituto Italiano di Cultura di Osaka è felice di portare per la prima volta in Giappone, grazie alla generosa collaborazione della Osaka Symphony Hall, un progetto che in Italia è stato accolto con grande entusiasmo dal pubblico e dalla critica. Ci auguriamo che il pubblico giapponese, così ricco di sensibilità e amore per l’arte, voglia apprezzare la nostra proposta musicale.

Istutito Italiano di Cultura di Osaka
Direttore Stefano Fossati 

 

RAMIN BAHRAMI (Piano)
“Ramin Bahrami scompone la musica di Bach e la ricompone in modi che risentono di un modello, Glenn Gould, senza veramente assomigliare al modello. Io gli ho insegnato a sopportare il morso, ma non l’ho domato; e spero che continui ad essere com’è” – Piero Rattalino.
Ramin Bahrami è considerato uno tra i più importanti interpreti bachiani viventi a livello internazionale.
Dopo l’esecuzione dei Concerti di J.S. Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly, la critica tedesca lo considererà: “un mago del suono, un poeta della tastiera… artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale…”(leipziger volkszeitung).
La ricerca interpretativa del pianista iraniano è attualmente rivolta alla monumentale produzione tastieristica di Johann Sebastian Bach, che Bahrami affronta con il rispetto e la sensibilità cosmopolita della quale è intrisa la sua cultura e la sua formazione. Le influenze tedesche, russe, turche e naturalmente persiane che hanno caratterizzato la sua infanzia, gli permettono di accostarsi alla musica di Bach esaltandone il senso di universalità che la caratterizza.
Bahrami si è esibito in importanti festival pianistici tra cui “La Roque d’Anthéron”, Festival di Uzés, il Festival “Piano aux Jacobins” di Toulose, il Tallin Baroque Music Festival in Estonia e il Beijing Piano Festival in Cina, Festival di Brescia e Bergamo, Ravello Festival ed in prestigiose sedi italiane come La Scala di Milano, la Fenice di Venezia, l’Accademia di Santa Cecilia a Roma ecc…
Nato a Teheran si diploma con Piero Rattalino al Conservatorio “G. Verdi” di Milano,approfondisce gli studi all’Accademia Pianistica di Imola e con Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda.
Si perfeziona con Alexis Weissenberg, Charles Rosen, András Schiff, Robert Levin e in particolare con Rosalyn Tureck.
Ramin Bahrami incide esclusivamente per Decca-Universal, i sui CD sono dei best seller e riscuotono sempre molto successo di pubblico e di critica tanto da indurre il Corriere della Sera a dedicargli una collana apposita per 13 settimane consecutive.
Ramin Bahrami ha scritto due libri per la Mondadori e il terzo edito Bompiani dal titolo “Nonno Bach”
Recentemente ha avuto il privilegio di inaugurare la stagione di musica da camera di Santa Cecilia a Roma e al Beethoven Festival di Varsavia in collaborazione con il flautista Massimo Mercelli, con cui ha registrato le sonate per flauto e piano per Decca.
Reduce da un concerto trionfale nella sala grande dell'Accademia Liszt a Budapest e alla Tonhalle di Zurigo, recentemente si è esibito con Yuri Bashmet e I Solisti di Mosca, ha avuto anche il privilegio di suonare in una gala di beneficenza con la clarinettista Sabine Meyer, clarinettista preferita di Karajan.
Ha inciso l’ Offerta Musicale di J.S. Bach con le prime parti di Santa Cecilia
E’ stato insignito del premio Mozart Box per l'appassionata e coinvolgente opera di divulgazione della musica, bachiana e non solo, inoltre è stato insignito del Premio “Città di Piacenza–Giuseppe Verdi” dedicato ai grandi protagonisti della scena musicale, riconoscimento assegnato prima di lui a Riccardo Muti, Josè Cura, Leo Nucci e Pier Luigi Pizzi.

DANILO REA (Piano)
Nato a Vicenza quasi per caso, Danilo Rea è romano, ma non d’adozione. È romano perché la sua storia in musica nasce a Roma, tra le pareti di casa sua, dove l’incanto per i vecchi vinili di Modugno è più forte, già da piccolissimo, di qualsiasi divertimento: il vero gioco è suonare il piano, il vero incanto è la musica, il vero sogno è la melodia, il vero abbandono è nell’armonia. E la passione diventa studio al Conservatorio di Santa Cecilia, dove si diploma in pianoforte con il massimo dei voti e dove attualmente insegna nella cattedra di jazz.
Studi classici, rock e pop influenzano la sua formazione e convergono attraverso il jazz, la sua vera passione, in uno stile inconfondibile e unico composto di due ingredienti fondamentali: melodia e improvvisazione.
Appena maggiorenne esordisce con lo storico Trio di Roma con Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto; parallelamente accompagna come pianista i più importanti cantautori italiani: Mina lo vuole prima ancora di Gino Paoli, ed entrambi gli restano fedeli negli anni, fino a oggi. Intanto collabora con Claudio Baglioni, Pino Daniele, Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano.
Il suo talento lo porta ben presto ad affermarsi anche sulla scena internazionale e a suonare al fianco dei più grandi nomi del jazz come Chet Baker, Lee Konitz, Steve Grossman, Bob Berg, Phil Woods, Michael Brecker, Tony Oxley, Joe Lovano, Gato Barbieri, Aldo Romano, Brad Mehldau, Danilo Pérez, Michel Camilo, Luis Bacalov.
Nel 1997, con Enzo Pietropaoli e Fabrizio Sferra, fonda “Doctor 3”, il trio che per tre anni riceve il premio della critica come miglior gruppo jazz, e che per più di dieci anni lo porta a calcare i più importanti palcoscenici italiani e all’estero con esibizioni in Europa, Stati Uniti, Sudamerica e Cina.
A partire dal 2000 Danilo Rea trova nella dimensione in piano solo il momento ideale per dare forma al proprio universo espressivo e al suo talento naturale per l’improvvisazione: le idee che convergono nelle performance sono delle più varie, dai capisaldi del jazz, passando per le canzoni italiane, fino alle arie d’opera.
Il suo primo lavoro da solista è “Lost in Europe” (2000) composto durante un tour in Europa; nel 2003 pubblica “Lirico”, in cui miscela lirica e jazz improvvisando sui temi operistici mettendone in luce la grande attualità. L’intenso rapporto con la musica classica, che prosegue tuttora, lo porta ad aprire il Festival di musica lirica internazionale “Festival del bel canto” con il concerto “Belcanto Improvisations”.
Seguono “Solo” (2006) e “Introverso” (2008), album in cui Rea si cimenta con composizioni inedite di piano solo, fino ad arrivare al pluripremiato “A Tribute to Fabrizio de André”, omaggio al grande cantautore e poeta italiano, inciso per la prestigiosa etichetta tedesca ACT nel 2010.
Ma sono i suoi concerti di piano solo, con le sue improvvisazioni che spaziano su qualsiasi repertorio, a conquistare le platee di tutto il mondo: oltre a essere il primo jazzista ad avere un concerto di piano solo alla sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica (nel 2003), nel 2006 è protagonista di un memorabile concerto al Guggenheim Museum di New York.
Successivamente, con “Concerto per Peggy”, in occasione del 60° anniversario della Collezione Peggy Guggenheim a Venezia, rende omaggio a Peggy Guggenheim con un recital pianistico che attraversa e celebra la musica classica americana della prima metà del secolo scorso. Nel 2009 si esibisce al Teatro la Fenice di Venezia e chiude la 68° stagione della Camerata Musicale Barese con un concerto al Teatro Petruzzelli.
Tra le sue collaborazioni più recenti, i lavori con Gino Paoli: già compagni di avventura nel progetto “Un incontro in Jazz”, il sodalizio artistico prosegue con l’album e il progetto live “Due come noi che…” (2012) e “Napoli con Amore” (2013).
Nel 2014 Danilo firma le musiche per il film “Quando c’era Berlinguer” e nel 2015 quelle per “I bambini sanno”, entrambi per la regia di Walter Veltroni; nell’estate dello stesso anno viene presentato in anteprima mondiale a Umbria Jazz “…IN BACH?”, il progetto live a quattro mani con Ramin Bahrami, omaggio all’imponente eredità musicale di Johann Sebastian Bach.
Il 16 ottobre 2015 esce “Something in our way” (Warner Music Italy), nuovo disco in piano solo ispirato all’indimenticabile repertorio dei Beatles e dei Rolling Stones.
Dal 27 Aprile all' 8 Maggio 2016, attraverso il tour di Umbria Jazz in Cina 2016, i suoi concerti in piano solo toccano prestigiose venue ed importanti teatri nelle città di Pechino, Shangai, Qingdao e Canton.
Il 3 Novembre 2016 gli viene consegnato il prestigioso Premio Vittorio De Sica per la Musica, un riconoscimento che viene conferito a personalità di rilievo nel campo del cinema e delle altre arti, della cultura, delle scienze e della società per il complesso della loro carriera, o per meriti rilevati nel corso dell’anno.
Il 1 Dicembre 2016, a seguito del successo ottenuto dal tour di Umbria Jazz in Cina, gli viene conferito il Leone D'Oro, assegnato a personalità del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo che si sono distinte nelle relazioni con la Cina, in occasione dei China Awards 2016 evento organizzato dalla Fondazione Italia Cina e da MF/ Milano Finanza con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Ambiente e della Camera di Commercio Italo Cinese, la partnership della Camera di Commercio Italiana in Cina.
Il 4 Marzo 2017, presso l’Aula Magna di Palazzo Pietro Tiravanti, l’Accademia di Belle Arti di Frosinone, alla presenza del Direttore Generale del MIUR, gli conferisce il Diploma Accademico di Secondo Livello Honoris Causa in Nuove Tecnologie dell’Arte per il profondo impegno profuso nel diffondere l'arte della musica.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 1813

Notizie Flash

Parsons Green: London Tube blast treated as terror incident

 

Passengers were injured following the blast at 08:20 BST (07:20 GMT) at Parsons Green station in Fulham.

Pictures show a white bucket on fire inside a supermarket bag, but do not appear to show extensive damage to the inside of the Tube train carriage.

The Metropolitan Police said it was too early to confirm the cause of the fire and the station has been cordoned off.

BBC security correspondent Frank Gardner said it was too early to say who caused the explosion.

Witnesses have described seeing at least one passenger with facial injuries.

Others have spoken of "panic" as alarmed passengers left the train at Parsons Green station.

London Ambulance Service says it sent a hazardous area response team to the scene.

 

source bbc.co.uk

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information