Ulti Clocks content

Login



Lavori assegnati da RFI all’RTI formato da Salini Impregilo, Astaldi, SIFEL e CLF. Valore economico: 186 milioni di euro Stampa E-mail
Venerdì 01 Dicembre 2017 10:52

Linea Palermo - Catania, aggiudicata gara per raddoppio binario tra Bicocca e Catenanuova

 

Aggiudicata la gara per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di raddoppio del tratto di linea Bicocca - Catenanuova, sulla linea Palermo - Catania.

La gara, dal valore economico di circa 186 milioni di euro, è stata assegnata da Rete Ferroviaria Italiana al Raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) costituito da Salini Impregilo, Astaldi, SIFEL e CLF. L’opera rientra nel progetto di collegamento veloce Palermo - Catania - Messina ed è la prima in Sicilia tra quelle programmate con la Legge “Sblocca Italia”.

 “Il tratto di linea Bicocca - Catenanuova costituisce - ha dichiarato Maurizio Gentile, Amministratore Delegato di RFI e Commissario di Governo per l’opera – una fase fondamentale per migliorare i collegamenti ferroviari in Sicilia e connetterla al sistema dei Corridoi europei TEN-T. I primi benefici in termini di riduzione dei tempi di viaggio inizieranno a vedersi già nel 2020. Entro la fine del 2025 – grazie anche alle altre opere previste – sarà possibile spostarsi da Catania a Palermo in meno di due ore”.

Il nuovo tracciato, lungo circa 38 chilometri, permetterà ai treni di viaggiare a una velocità massima di 200 km/h. L’attivazione di un primo binario velocizzato è prevista nel 2020. La fine di tutti i lavori è programmata nel 2022.

Gli interventi riguarderanno la nuova sede ferroviaria, l’armamento, gli impianti di segnalamento e telecomunicazione, le sottostazioni elettriche per l’alimentazione dei treni, la riqualificazione della stazione di Bicocca e la realizzazione della nuova stazione a Motta Sant’Anastasia.

 
Riunione del consiglio di Sicurezza. Trump insulta Kim, "E' un cagnolino malato". Stampa E-mail
Giovedì 30 Novembre 2017 11:12

Corea del Nord, gli Usa: “La guerra è più vicina”

 

 KKim vicino nuovo missile lanciatoRIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA/AP

«Ora la guerra è più vicina». Parole pesanti quelle pronunciate dall’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley, durante il consiglio di sicurezza sulla Corea del Nord. Mentre pochi minuti prima, durante un comizio in Missouri, Donald Trump era tornato ad attaccare sul piano personale il dittatore di Pyongyang, Kim Jong-un, deridendolo e descrivendolo come un «cagnolino malato». «The little rocket man», il piccolo uomo-missile, ha ripetuto davanti ai suoi calorosi sostenitori. 

Il silenzio del presidente americano dopo l’ennesimo lancio di un missile balistico da parte del regime nordcoreano è durato dunque poche ore. E ancora una volta le sue parole rischiano di alimentare una guerra di offese e di insulti che va avanti da mesi e che non favorisce di certo la realizzazione di quel canale diplomatico che con enorme fatica Rex Tillerson e i vertici del Dipartimento di stato stanno tentando di aprire. 

Intanto, mentre al Tesoro americano si studiano nuove sanzioni finanziarie e al Pentagono si valuta l’ipotesi di un blocco navale, le Nazioni Unite rinviano la decisione di nuove misure punitive verso Pyongyang, con i Quindici del Consiglio di sicurezza che per il momento insistono sulla piena e rigorosa attuazione delle sanzioni già prese negli ultimi mesi. Soprattutto da parte della Cina che resta il più stretto alleato della Corea del Nord. L’ambasciatrice americana all’Onu, Nikki Haley, ha chiesto a Pechino a nome degli Stati Uniti di tagliare la fornitura di petrolio alla Corea del Nord. 

LEGGI ANCHE - Nuovo test di Kim: “Noi potenza nucleare, possiamo colpire gli Usa”. Trump annuncia sanzioni  

L’ultimo esperimento missilistico di Pyongyang, che ha dimostrato di avere un supermissile in grado di colpire ovunque gli Stati Uniti, «è un’azione che avvicina il mondo alla guerra, non lo allontana», ha tuonato Haley. «Anche se è un conflitto che gli Usa non cercano - ha aggiunto l’ambasciatrice Usa - e se ci sarà una guerra, il regime nordcoreano sarà completamente distrutto». Quindi l’ennesimo appello alla comunità internazionale (rivolto ancora una volta soprattutto a Pechino) per «tagliare tutti i rapporti con Pyongyang», per isolare ulteriormente il regime di Kim: dai rapporti diplomatici, alla cooperazione militare, scientifica e commerciale, passando per lo stop a tutte le importazioni ed esportazioni. «Invece - ha denunciato - alcuni paesi continuano ancora a finanziare il programma nucleare nordcoreano». 

Intanto l’ambasciatore italiano Sebastiano Cardi, presidente di turno dei Quindici e del comitato sanzioni del Consiglio di sicurezza, ha spiegato come le misure restrittive decise contro la Corea del Nord stiano funzionando: «Ma si può fare di più per farle applicare», ha sottolineato. 

 

FONTE lastampa.it

 

 
DAL NOSTRO INVIATO DOTT. VITO POMPEO PINDOZZI Stampa E-mail
Mercoledì 29 Novembre 2017 15:07

 SI APRE A CHICAGO IL 103ESIMO CONGRESSO RSNA

 

Dal nostro inviato speciale a Chicago
Si stima che siano  presenti  oltre settantamila "addetti ai lavori" a Chicago per il 103esimo Congresso RSNA,Il più  affollato convegno medico-scientifico del mondo, che dal 1915 richiama nella metropoli americana sul lago Michigan radiologi,tecnici e produttori delle più avanzate tecnologie per la Diagnostica per immagini.
 
 Richard L.Ehmam
Nel suo indirizzo di saluto ai partecipanti,Richard L.Ehmam,professore di Radiologia ,professore di Radiologia nella prestigiosa MAYO CLINIC di Rochester(Minnesota),ha messo in evidenza  come la Radiologia, oggi,"esplora,inventa e trasforma": il futuro delle cure per i pazienti affetti dalle più varie patologie è la cosiddetta "medicina di precisione ",sia per quanto riguarda le diagnosi e sia per le terapie; per raggiungere queste finalità la diagnostica per immagini ha un ruolo fondamentale per "cucire"sulla persona ammalata interventi" personalizzati": dalla Radiologia tradizionale alla ecografia 3D,dalla tomografia computerizzata (TC)alla tomografia ad emissioni di positroni(PET),dalla risonanza magnetica (RM) alla accoppiata PET-RM,che -oggi- rappresenta quanto di più avanzato nel campo della "IMAGING".
 
È proprio in questo settore una anticipazione dei contenuti affrontati in questi giorni si era avuta,sempre a Chicago ,meno di un mese fa nell'annuale incontro scientifico  ad alto livello  promosso dalla ISMRM-SNMNI(International Society for Magnetic  Resonance e Society of Nuclear Medicine and Molecular Medicine) :dal 26 al 29 ottobre i maggiori esperti del mondo si sono confrontati sullo "stato dell'arte" con particolare riferimento alla PET-RM. versus PET-TC e AD illustrare i vantaggi della prima metodologia sulla seconda per quanto riguarda le neoplasie del colon retto è stato chiamato da Boston l'italiano Onofrio Catalano,del Massachusetts General Hospital.
 
 
 Catalano, Onofrio A., MD
Catalano è ben noto a chi ci segue su questa Agenzia Internazionale perché negli anni scorsi è stata proprio la AGGM a mettere in rete in anteprima i risultati ottenuti dal ricercatore italiano nel campo applicativo della PET-Risonanza: prima nell'Istituto scientifico ISDN-IRCCS di Napoli ,diretto dal professor Marco Salvatore e poi a a Boston, dove da oltre due anni  è responsabile della diagnostica  RM ADDOME  nel MGH.
Tornando al 103'RSNA centinaia,e forse migliaia le novità:dalle più recenti macchine per Mammografia con Tomosintesi 3D ai più maneggevoli performanti ecografi, dalle TC ULTRAVELOCI per Pronto Soccorso ai detettori  RM ribaltabili per la colonna vertebrale e per le articolazioni,dalla macchina RM per neonati ai più rapidi e " capaci" sistemi per la archiviazione e trasmissione dati;......e l'elenco potrebbe continuare fino alla prossima edizione del RSNA -a novembre 2018.

FONTE: DOTTOR VITO POMPEO PINDOZZI

 
La premier britannica Theresa May I negoziatori britannici e quelli della Ue avrebbero raggiunto un accordo di massima sul cosiddetto 'conto della Brexit ... Stampa E-mail
Mercoledì 29 Novembre 2017 00:15

Ecco il conto della Brexit

 

I negoziatori britannici e quelli della Ue avrebbero raggiunto un accordo di massima sul cosiddetto 'conto della Brexit', che potrebbe aprire le porte ad una svolta nei negoziati a dicembre. Lo rivela il sito del 'Telegraph', citando fonti di entrambe le parti.

La richiesta della Ue di 60 miliardi di euro sarebbe stata 'abbassata' ad una cifra tra i 45 e i 55 miliardi durante un incontro avvenuto a Bruxelles dopo intensi negoziati condotti dal capo negoziatore britannico Oliver Robbins.

Il quotidiano sottolinea come questa intesa sia stata raggiunta prima dell'incontro, considerato cruciale, di lunedì prossimo tra la premier Theresa May e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

 

FONTE ADNKRONOS.COM

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 1729

Notizie Flash

Asino volante.

 

Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information