Ulti Clocks content

Login



i terrà il prossimo 15 settembre 2018 presso il Teatro Comunale Piazza Trento e Trieste - FIUGGI. Un congresso organizzato dal CENACOLO ODONTOSTOMATOLOGICO C.O.C.I. Stampa E-mail
Venerdì 31 Agosto 2018 16:28

2° Congresso Nazionale C.O.C.I (Cenacolo Odontostomatologico Centro Italia), 15 Settembre 2018.

 

Come già scritto nell’articolo dal collega e Direttore Editoriale Dr.Pierpaolo Foti, vi riproponiamo gli aggiornamenti del 2° Congresso Nazionale  C.O.C.I  (Cenacolo Odontostomatologico Centro Italia)

                                                             Teatro Comunale . Piazza Trento e Trieste – Fiuggi.

LO STUDIO ODONTOIATRICO COME PILASTRO DI SVILUPPO ECONOMICO SOCIALE E FINANZIARIO.

Presidenti:

Dott. Mauro Giacomi

Prof. Sandro Rengo

Dott. Francesco Riva

Il Congresso, grazie ai suoi competenti relatori, farà una valutazione dell’attuale situazione dei nostri studi professionali dal punto di vista clinico-economico.

Ognuno di loro, per le proprie competenze, mediante l’utilizzo di tecnologie innovative, proporrà procedure che consentano il miglioramento competitivo delle nostre aziende.

Il Congresso Gratuito è per i Soci C.O.C.I. E COI-AIOG

Pre-iscrizione obbligatoria: scrivere all’indirizzo email :  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Oppure visitate il sito :  www-co-ci.it

di Antonio Gentile

 
Il tasso generale torna ai livelli del 2012. Per i ragazzi è al minimo dal 2011. A luglio -28.000 occupati, giù donne e stabili Stampa E-mail
Venerdì 31 Agosto 2018 08:39

Istat: disoccupazione scende al 10,4% a luglio

 

A luglio scende di 113 mila unità il numero di persone in cerca di occupazione (-4,0%) e il tasso di disoccupazione scende al 10,4% (-0,4 punti percentuali su base mensile). Lo comunica l'Istat che segnala una diminuzione anche per anche quello giovanile che si attesta al 30,8% (-1,0 punti).

A luglio si conferma poi il calo degli occupati: la stima comunicata dall'Istat registra una nuova lieve flessione (-0,1% su base mensile, pari a -28 mila unità). Il tasso di occupazione rimane stabile al 58,7%. La diminuzione congiunturale dell'occupazione, spiega l'istituto, è interamente determinata dalla componente femminile e si concentra tra le persone di 15-49 anni, mentre risultano in aumento gli occupati ultracinquantenni. A luglio diminuiscono i dipendenti permanenti (-44 mila), mentre crescono in misura contenuta quelli a termine e gli indipendenti (entrambi +8 mila).

Su base annua, continua l'Istat, a luglio l'occupazione cresce dell'1,2%, pari a +277 mila unità: un fenomeno che però si concentra tra i lavoratori a termine (+336 mila). In ripresa anche gli indipendenti (+63 mila), mentre calano in misura rilevante i dipendenti permanenti (-122 mila). Quanto alle fasce d'età crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+381 mila) e i 15-34enni (+42 mila) mentre calano gli occupati tra i 35 e i 49 anni (-146 mila).

 

FONTE ANSA.IT / ADNKRONOS.COM

 
COMUNICATO STAMPA Stampa E-mail
Giovedì 30 Agosto 2018 13:33

CNR-ISTC: La fisica statistica spiega cooperazione ed egoismo

 I gruppi umani possono raggiungere un punto critico simile a quello che caratterizza i sistemi biologici altamente organizzati, come quelli di api o formiche. Per la prima volta un modello di fisica statistica mostra il ruolo cruciale giocato dalle norme sociali nel favorire la cooperazione e la sua stabilità. Lo studio, al quale ha preso parte l’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Cnr, pubblicato su Physical Review

                        

 Una ricerca condotta dal Laboratorio di intelligenza artificiale della Nasa in collaborazione con l’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Istc) di Roma e l’Università di Cartegna in Colombia, pubblicata sulla rivista Physical Review, ha messo in luce per la prima volta l’esistenza di un punto critico nei sistemi cooperativi umani, mostrando il ruolo cruciale giocato dalle norme sociali.

“Il concetto di punto critico è mutuato dalla fisica statistica”, spiega Giulia Andrighetto, ricercatrice Cnr-Istc “e indica lo stato di un sistema posto esattamente al confine tra due fasi differenti, che ha come caratteristica quella di aumentare l’adattabilità del sistema a perturbazioni esterne. Nel nostro lavoro mostriamo per la prima volta come anche gruppi di umani che cooperano possano raggiungere un punto critico: ciò avviene quando i membri, nei loro comportamenti, tengono in considerazione le norme sociali del gruppo”.

Per ottenere questo risultato il team di ricerca ha sviluppato un modello di fisica statistica della cooperazione umana. “Nel modello gli agenti decidono se cooperare o meno, bilanciando egoismo e aderenza alle norme sociali. In questo modo siamo stati in grado di riprodurre le scelte che i soggetti umani avevano preso in recenti esperimenti di laboratorio su larga scala condotti in Spagna da Gracia-Lázaro e colleghi, nei quali veniva chiesto loro di partecipare al ‘dilemma del prigioniero’, il classico gioco usato per studiare la cooperazione che utilizza ricompensa di natura economica”, prosegue la ricercatrice del Cnr-Istc. “I risultati del nostro lavoro confermano e forniscono un supporto sperimentale all’idea che gli esseri umani, decidendo se cooperare o meno, bilanciano i possibili guadagni economici e la conformità

alle norme del gruppo. Infine, lo studio ha permesso di evidenziare l’esistenza di un punto critico nei sistemi cooperativi umani, rilevato fino ad ora solo in gruppi animali altamente sociali come le api o le formiche, caratteristica che aiuterebbe a spiegare la grande flessibilità e capacità di tali sistemi di adattarsi a cambiamenti esterni”.

Lo studio valuta quindi i meccanismi e le dinamiche che regolano gli individui in quanto animali sociali. “Ricerche di questo genere potrebbero fornire in futuro strumenti di governance utili per promuovere quel sottile equilibrio tra interesse individuale e collettivo che è alla base della cooperazione umana”, conclude Andrighetto.
 
Servizio Watch esce da confini Usa, nuova sfida Netflix e Amazon Stampa E-mail
Giovedì 30 Agosto 2018 07:00

La tv di Facebook diventa globale, arriva anche in Italia

 

Si allarga da oggi a tutto il mondo, anche all'Italia, Facebook Watch, la tv del social network già lanciata negli Usa un anno fa. Una sfida non solo alla tv tradizionale, ma anche a YouTube, Amazon e Netflix. "Da oggi Facebook Watch è disponibile ovunque, per dare agli utenti di tutto il mondo un nuovo modo di scoprire video e interagire con amici, creatori e altri fan", spiega in un post ufficiale Fidji Simo, capo della sezione Video della piattaforma. 

"Abbiamo lanciato Watch negli Stati Uniti un anno fa", aggiunge il manager del social network spiegando che ogni mese "più di 50 milioni di persone negli Usa hanno visto un video per almeno un minuto su Watch" e il tempo totale trascorso a guardare video si è più che decuplicato sin dall'inizio del 2018. Il servizio di streaming offre programmi di sport e notizie ma anche serie originali come Skam e Sorry For Your Loss.

"Watch - sottolinea Facebook - significa anche nuove opportunità per i creatori e gli editori di tutto il mondo. Stiamo espandendo il nostro programma Ad Breaks in modo che più partner possano guadagnare dai loro video". Per accedere al servizio (disponibile su iOS e Android) bisogna cercare l'icona Watch sulla piattaforma, è disponibile anche su Apple TV, Samsung Smart TV, Amazon Fire TV, Android TV, Xbox One e Oculus TV.


 
fonte ansa.it

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 1813

Notizie Flash

Ci sono passioni che uniscono le donne a tutte le latitudini: di certo quella per le scarpe si può dire quasi universale. Questa volta è la Nuova Zelanda a far parlare di sé per un modello davvero esclusivo. Si tratta di un paio di decolleté ricoperte di diamanti bianchi per un valore di circa 500mila dollari.


 

A realizzarle è stata la designer Kathryn Wilson in collaborazione con Sarah Hutchings, designer per Orsini Gioielli. Per realizzare le scarpe è stato necessario un lavoro certosino: prima la scelta delle pietre, poi la loro composizione sulle scarpe. Per decorarle è stato necessario usare una pinzetta e una colla speciale: un lavoro di precisione per un paio di scarpe da sogno.

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information