Ulti Clocks content

Login



Uno studio rivela che gli italiani sono pronti ad indebitarsi per 5000 euro Stampa E-mail
Mercoledì 21 Giugno 2017 15:10

I prestiti per le ferie sono sempre più cospicui

 

Indebitarsi per andare in vacanza? Gli italiani appaiono sempre più disposti a non rinunciare al meritato riposo, anche ricorrendo a prestiti per somme cospicue ed a lungo termine.

Dal 1° gennaio al 31 maggio 2017, sono stati erogati oltre 33 milioni di euro per sostenere i costi di viaggi a breve, medio o lungo raggio.

Su oltre 60.000 domande di finanziamento, il 38% sono state presentate nel mese di maggio, evidenziando una tendenza a rivolgersi ai prestiti maggiore con l'approssimarsi del periodo estivo. Il profilo medio dei richiedenti è quello di un lavoratore a tempo indeterminato presso privati (76%), maschio (72%) e sui 42 anni, ma ben l'11% degli aspiranti vacanzieri risulta pensionato.

E' la fotografia scattata da un'inchiesta di Facile.it e Prestiti.it secondo cui i finanziamenti per le ferie sono mediamente di circa 5000 euro. Tale somma (corrispondente ad una rata mensile di 113 euro) è cresciuta del 7,7% rispetto all'anno scorso, mentre la durata media dei piani di restituzione si aggira intorno ai 4 anni.

 

fonte teleborsa.it

 
Per diciotto anni al comando senza soluzione di continuità. Anni segnati da manie di grandezze e battute sprezzanti. Ma oggi in Lombardia quasi nessuno parla più dell'uomo che, intanto, si è ritagliato uno spazio nel panorama romano Stampa E-mail
Mercoledì 21 Giugno 2017 14:56

Sei anni a Formigoni, l'ultima tegola per il Celeste: in Lombardia il generale ciellino è solo un ricordo del potere che fu

 Formigoni nel suo ex ufficio al trentesimo piano del Pirellone

 Fino a qualche anno fa Roberto Formigoni era il personaggio simbolo del potere ciellino in Lombardia. Nella sanità e non solo. Oggi, quello che era conosciuto, non a caso, come il "Celeste", guida da senatore la commissione parlamentare Agricoltura di Palazzo Madama. Incarico per il quale è stato rieletto nel 2016 visto che fa parte del gruppo Ap-Ndc che fa parte della maggioranza risicata al Senato che sostiene il governo Gentiloni. E carica che ha già chiarito non lascerà nonostante la condanna in primo grado a sei anni per corruzione. 

In Lombardia, però, di Formigoni ormai non parla quasi piu nessuno. Il suo potere sembra solo un ricordo. L'attuale governatore della Lombardia, il leghista Roberto Maroni, ha fatto di tutto in questi anni per cercare di dimostrare la "discontinuità" del suo governo rispetto a quello del Celeste.

Sembra passato un secolo dalle missioni all'estero di Formigoni in tutto il mondo. Dai capi di Stato ricevuti nel suo ufficio al trentesimo piano del Pirellone, dove ogni giorno facevano la fila manager sanitari in cerca di una riconferma, imprenditori, politici. Erano gli anni in cui Formigoni parlava di sè in terza persona. Quelli del Meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, dove ogni anni era protagonista incontrastato. 

Era riuscito perfino ad inventare il "formaglione". Un maglione per le vacanze pagate disegnato da un suo supporter. Formigoni aveva addirittura indetto un concorso per dare un nome al prodotto di questo suo fan. Il gusto per la battuta però non l'ha mai perso, neanche ora che si ritrova in una posizione politica più defilata. Come quando ai giornalisti che gli chiedevano se potessero chiamarlo col titolo di presidente anche nel suo nuovo ruolo, rispose, senza fare una piega: "Certo che potete, presidente è una categoria dello spirito".

O più recentemente quando, dopo la condanna nel processo sui favori nell'ambito della sanità lombarda, il Celeste ha tagliato corto parlando del suo: "Vivrò con poco, del resto ho sempre fatto una vita morigerata". Triste epilogo per un uomo che ha guidato la Lombardia ininterrottamente per diciotto anni.

Anche perché fino a questo momento, Formigoni era riuscito a uscire con la testa alta da ogni inchiesta che lo aveva visto coinvolto. Si vantava di "aver avuto dodici processi e di avere avuto dodici assoluzioni". Diceva di essere "limpido come acqua di fonte". Lui che per anni aveva aspirato a guidare il centrodestra dopo Berlusconi e che il Cavaliere, invece, quando era al governo, aveva costretto a rimanere nel recinto politico lombardo. "Un generale pieno di medaglie come me" si sfogava Formigoni con i suoi fedelissimi.

Era noto che l'ex che il presidente della Lombardia aspirasse a un ruolo di primo piano nel governo, ad esempio come ministro degli Esteri. Ma a dare il colpo di grazia alla sua ultima giunta nel 2012 e a portare la Lombardia ad elezioni anticipate nel febbraio 2013 fu la Lega di Roberto Maroni, ma anche dell'allora emergente leader del Carroccio, Matteo Salvini, che staccarono la spina dopo l'arresto dell'assessore regionale, Domenico Zambetti.

Lui, comunque, si dice certo che alla fine uscirà pulito anche da questa vicenda giudiziaria. Ha giurato che "mai ha ricevuto vantaggi per piegare la sua attività di amministratore". I suoi fedelissimi sostengono che è stato il  bersaglio di un caccia grossa, come accadde a Bettino Craxi. Nel frattempo, però, la sua parabola discendente di politico sembra inarrestabile.  

 

FONTE  ANDREA MONTANARI repubblica.it

 
Accusa abuso e falso per promozioni Romeo e fratello Marra Stampa E-mail
Martedì 20 Giugno 2017 17:34

Roma, abuso d'ufficio e falso: Raggi rischia il processo.

 

 Abuso d'ufficio e falso sono questi reati per i quali la sindaca di Roma, Virginia Raggi, rischia il processo. Le è stato notificato il 415 bis, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. L'inchiesta della procura di Roma (l'aggiunto Paolo Ielo e il pm Francesco Dall'Olio) riguarda le nomine decise dal Campidoglio, targato Cinque Stelle, di Salvatore Romeo e di Renato Marra.

Abuso d'ufficio. Virginia Raggi è indagata in concorso con Salvatore Romeo per abuso d'ufficio in relazione alla nomina del suo fedelissimo a capo della segreteria, nell'agosto dell'anno scorso. La sindaca è quindi implicata nel passaggio di Romeo da funzionario nel Dipartimento Partecipate, con stipendio di 39 mila euro annui, alla guida della sua segreteria, con un salario di quasi 120 mila euro. Stipendio poi sceso a 93 mila per l'intervento dell'Authority anticorruzione.

Falso. Per quanto riguarda invece la nomina a capo del dipartimento Turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele (successivamente revocata), secondo la procura la Raggi avrebbe detto il falso alla responsabile anticorruzione del Comune, Mariarosa Turchi, riferendo che per la nomina avrebbe agito in autonomia. In realtà dalle chat scambiate tra la sindaca e l'ex capo del personale, Raffaele Marra, è emerso che la Raggi non aveva preso parte al procedimento di selezione dei curricula, né sapeva che il nuovo incarico avrebbe comportato un aumento di stipendio per Renato Marra. Per la stessa ragione, l'accusa di abuso d'ufficio resta in piedi solo per il fratello Raffaele.

Archiviazione. La procura ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sulla Raggi per abuso d'ufficio sia sulla nomina di Renato Marra che su quella dell'ex capo di gabinetto Carla Raineri. I pm hanno chiesto lo stesso provvedimento anche per l'ex assessore all'ambiente Paola Muraro per il reato di abuso d'ufficio sull'inchiesta degli impianti di trattamento meccanico biologico dei rifiuti (Tmb) di via di Rocca Cencia e di via Salaria. Per questa inchiesta, per la Muraro, rimangono sempre in piedi le violazioni di una serie di reati ambientali. Infine l'archiviazione è stata richiesta anche per l'indagine sul presunto dossieraggio al presidente dell'assemblea capitolina Marcello De Vito.
 

fonte giuseppe scarpa repubblica.it

 
hamburgers made with fresh beef is seen at a McDonald's restaurant in Dallas, Texas, U.S. Stampa E-mail
Martedì 20 Giugno 2017 09:39

Will McDonald's customers wait for the new Quarter Pounder?

 

  A hamburgers made with fresh beef is seen at a McDonald's restaurant in Dallas, Texas, U.S. April 18, 2017. Picture taken April 18, 2017. REUTERS/Liz Hampton

Tracy Moore grew impatient as she waited for a Quarter Pounder recently in the parking lot of a McDonald's restaurant in central Dallas.

The burger, made with fresh beef and billed as hotter and juicer than the original made from a frozen patty, is part of the company's effort to serve tastier food.

But after about four minutes, it was Moore who was steamed. Like other customers who'd ordered the new Quarter Pounder at the restaurant's drive-through, she was asked to pull into a parking space and wait.

"If it's going to be that long every time, I won't order it. I'd go" elsewhere, said Moore, who hits the drive-through every morning for a Coke and dines frequently at the chain.

The tradeoff between time and taste looms large for McDonald's Corp as it works to win back business lost to rivals. The introduction of cooked-to-order, quarter-pound burgers made with fresh beef is part of the chain's attempt to improve food quality. Announced in March, the new sandwiches are already in selected test markets and are expected to be served in all U.S. stores by mid-2018.

But the success of the initiative may well hinge on satisfying important customers like Moore: speed-minded drive-through patrons who account for 70 percent of the firm's U.S. revenue.

An on-demand Quarter Pounder takes about a minute longer to land in a customer's hands than does the original sandwich, according to restaurant managers and analysts, even though fresh beef fries up faster than frozen patties. That's because grilling begins only after a patron orders. Traditional Quarter Pounders were often cooked up in batches ahead of time.

Every second counts in the fast-food business. McDonald's drive-through speeds already lag those of some major competitors, according to one widely watched survey. McDonald's does not share such data, but company representatives told Reuters earlier this year that service times have slowed.

Still, company executives are bullish on prospects for the popular Quarter Pounder, which accounts for about one-fourth of McDonald's U.S. burger sales. At an investor conference last month, Chief Executive Steve Easterbrook said the changeover has created fewer complications than expected and that restaurant operators are on board.

Some industry veterans, however, are skeptical. Richard Adams, a former Southern California McDonald's franchisee-turned-consultant, says convenience is paramount for the chain's patrons, who may go elsewhere if speed deteriorates.

"Any time the cooking process begins after the customer orders, the service time will be slower," Adams said.

The fresh-beef initiative comes as pressure builds on McDonald's kitchens.

Adams says restaurant crews already are juggling trickier menu items thanks to the recent national launch of McDonald's new "Signature Crafted" sandwich line, which allows customers to pick their own meat, buns and toppings. "Signature Crafted" quarter-pound burgers also will use fresh beef as it becomes available nationwide.

McDonald's cooks could be further strained by the chain's embrace of self-service kiosks and mobile ordering. The technology shaves ordering times, but can create new bottlenecks by swamping kitchens at peak hours, as companies such as Starbucks Corp have learned.

FRESH VS. FAST

The revamped Quarter Pounder is the latest move by Easterbrook to modernize the 60-year-old chain and reverse four straight years of traffic declines.

It's also a direct shot at Wendy's Co, Whataburger and In-N-Out. Those fresh-burger chains are among the fast-food rivals that McDonald's says have siphoned 500 million U.S. transactions from its stores since 2012.

Easterbrook's introduction of all-day breakfast in October 2015 was a big hit and has helped lift sales. The company's stock price is up more than 25 percent so far this year.

Analysts expect the fresh-beef push, along with moves to ditch artificial ingredients in popular items such as chicken nuggets, to bolster sales by addressing consumer demand for simpler, "cleaner" and fresher ingredients.

The Quarter Pounder makeover has won early support from analysts and McDonald's franchisees in the heart of cattle country, where the product has been tested for almost two years in about 400 stores in Oklahoma and Texas.

Three Dallas-area McDonald's managers who spoke with Reuters estimated the switch has improved their Quarter Pounder sales from 20 percent to 50 percent, albeit aided by advertising and coupons.

"We've been stealing customers from a Whataburger down the street," said Edgar Meza, a manager at a McDonald's restaurant in an upscale neighborhood in north Dallas. Officials at Texas-based Whataburger, a regional chain, declined to comment.

Some burger lovers are taking notice too.

"They're a little juicier," said Bob Riley, who was polishing off a Quarter Pounder at an outlet near Dallas' Deep Ellum neighborhood, his third McDonald's meal of the week.

"I think Wendy's woke them up," he said.

Joe Jasper, a former McDonald's executive who owns 20 restaurants in the Dallas-Fort Worth area, has been deeply involved in the effort. He described the new Quarter Pounder as "the best burger in our industry, but more importantly, (one delivered) at the speed of McDonald's."

Trouble is, the "speed of McDonald's" isn't as fast as that of many of its competitors.

The average service time at a McDonald's drive-through last year was 208.2 seconds, according to a study published by QSR magazine, an industry publication, using data from SeeLevel HX, an Atlanta-based business intelligence firm. That's well behind industry leader Wendy's at 169.1 seconds, according to the survey. Burger King, Dunkin' Donuts and KFC all beat McDonald's too.

McDonald's narrowed the gap with Wendy's by one-third from 2012 to 2016 by adding more drive-through lanes at some stores and by scrapping products such as "snack wraps," tortilla-wrapped sandwiches that proved time-consuming to prepare. Still, its average drive-through service time last year was almost 20 seconds slower than it was in 2012, according to SeeLevel HX data.

(For a look at drive-through speeds, see tmsnrt.rs/2sLWMqW)

Claudia Barcenas, assistant manager at a McDonald's off Dallas' Central Expressway, says her counter and drive-through staff inform patrons that fresh-beef Quarter Pounders can be delayed, particularly if the sandwiches are ordered well-done.

"We have to explain that it takes a bit longer. Perhaps a minute," Barcenas said.

Whether that's worth it for McDonald's customers remains to be seen as the experiment goes nationwide.

Juan Rodriguez waited on his lunch break for a fresh-beef Quarter Pounder at the drive-through of another Dallas McDonald's outlet about nine miles from Barcenas' store. At the three-minute mark, the 20-year-old was getting restless.

"If it's better, I don't mind waiting," Rodriguez said. "But if it tastes the same, then no."

(Editing by Marla Dickerson)

SOURCE  .reuters.com Lisa Baertlein and Liz Hampton 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 1657

Notizie Flash


Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information