Ulti Clocks content

Login



NASA Releases Kepler Survey Catalog with Hundreds of New Planet Candidates Stampa E-mail
Lunedì 19 Giugno 2017 18:25

Nasa, scoperti altri 219 pianeti, 10 abitabili come Terra

 

19 giugno 2017 Scoperti 219 nuovi possibili pianeti esterni al Sistema solare, 10 dei quali grandi quanto la Terra e posti nella fascia abitabile, cioè alla giusta distanza dalla propria stella per poter avere acqua liquida in superficie. Lo annuncia la Nasa presentando gli ultimi risultati del telescopio spaziale Kepler. Con questo ottavo catalogo della sua missione, il numero di potenziali mondi alieni sale a 4.034: di questi 2.335 sono stati verificati come pianeti, e più di 30 sono grandi quanto la Terra in fascia abitabile.
 
 

NASA’s Kepler space telescope team has released a mission catalog of planet candidates that introduces 219 new planet candidates, 10 of which are near-Earth size and orbiting in their star's habitable zone, which is the range of distance from a star where liquid water could pool on the surface of a rocky planet.

This is the most comprehensive and detailed catalog release of candidate exoplanets, which are planets outside our solar system, from Kepler’s first four years of data. It’s also the final catalog from the spacecraft’s view of the patch of sky in the Cygnus constellation.

With the release of this catalog, derived from data publicly available on the NASA Exoplanet Archive, there are now 4,034 planet candidates identified by Kepler. Of which, 2,335 have been verified as exoplanets. Of roughly 50 near-Earth size habitable zone candidates detected by Kepler, more than 30 have been verified.

Additionally, results using Kepler data suggest two distinct size groupings of small planets. Both results have significant implications for the search for life. The final Kepler catalog will serve as the foundation for more study to determine the prevalence and demographics of planets in the galaxy, while the discovery of the two distinct planetary populations shows that about half the planets we know of in the galaxy either have no surface, or lie beneath a deep, crushing atmosphere – an environment unlikely to host life.

 

source nasa.gov

 
 
Amnesty says deadline imposed by Saudi Arabia, Bahrain and UAE shows "utter contempt for human dignity". Stampa E-mail
Lunedì 19 Giugno 2017 16:00

Expulsion of Qataris from Gulf states comes into effect

 

 Students, employees and businessmen are most likely to be affected by the expulsion [Reuters]

The deadline for Qatari citizens to leave neighbouring Saudi Arabia, the United Arab Emirates (UAE) and Bahrain came into effect on Monday, as the diplomatic rift enters its third week with no end in sight. 


 
The three countries, which cut diplomatic ties and imposed an economic blockade on Qatar on June 5, had given Qatari citizens 14 days to leave.

They also urged their own citizens in Qatar to leave and threatened imprisonment and fines for anyone who criticises the measures.

Officials of the three states later clarified there would be exceptions for mixed-nationality families.

Rights group Amnesty International said, however, such measures are "clearly insufficient to address the human rights impact of the arbitrary, blanket measures."

Amnesty International said it "shows utter contempt for human dignity".

"This arbitrary deadline has caused widespread uncertainty and dread amongst thousands of people who fear they will be separated from their loved ones," Amnesty's James Lynch said in a statement.

Saudi Arabia, the UAE and Bahrain have all announced hotlines to help families with Qatari members, their official news agencies said last week. These hotlines have been criticised by Qatari human rights groups as "little more than a face-saving" exercise.

READ MORE: Get all the latest updates on the Qatar-Gulf crisis

On Wednesday, the UN human rights chief Zeid Ra'ad al-Hussein said he was "alarmed" by the possible impact of the diplomatic isolation of Qatar, warning it could lead to widespread suffering among ordinary people.

He said the directives issued by Saudi Arabia, the UAE and Bahrain to address the humanitarian needs of families with joint nationalities appeared to be inadequate, and his office had received reports of specific individuals being ordered to return home or to leave the country they are residing in.

"Among those likely to be badly affected are couples in mixed marriages and their children; people with jobs or businesses based in states other than that of their nationality; and students studying in another country," he said.

 
 

Qatar's National Human Rights Committee (NHRC) has also said it has received hundreds of complaints from those affected by the ongoing rift.

In the first week we had 700 complaints," NHRC's Saad al-Abdulla told Al Jazeera. "In the last four or five days, the numbers have risen significantly."

He added that the organisation has received more than "100 complaints a day". Many involved residents who said they have been forced to abandon businesses and careers built across borders.

READ MORE: Qatar priority 'to address siege's humanitarian impact'

According to a report released by the NHRC on Thursday, the rights of more than 13,000 citizens of the four GCC countries involved in the crisis have been directly violated by the blockade.

In some cases, the actions taken by these states separated mothers from their children, it said.

The NHRC said it has hired lawyers to take legal measures to restore the rights of aggrieved Qatari nationals.

The organisation has also taken the matter before the UN Human Rights Council.

Source: Al Jazeera and news agencies

 
BREAKING NEWS Paris. Évacuation en cours sur les Champs Elysées Stampa E-mail
Lunedì 19 Giugno 2017 14:44

Intervention de police en cours sur les Champs-Elysées, annonce la préfecture

 

PARIS (Reuters) - Une intervention de police est en cours sur l'avenue des Champs-Elysées, a annoncé la préfecture de police.

"#ChampsElysées Intervention en cours des services de police. Évitez le secteur", a publié sur Twitter la Préfecture de police.

Tout le secteur du théâtre de Marigny est bouclé par les forces de police et le chantier du théâtre a été évacué, selon des journalistes de Reuters présents sur place.

 

Une voiture a percuté lundi un véhicule de la gendarmerie sur les Champs-Elysées, à Paris, et son chauffeur a été interpellé, a fait savoir la gendarmerie sur Twitter, précisant qu'il n'y avait aucun blessé.

La préfecture de police avait auparavant annoncé qu'un opération était en cours, sans autre précision.

 

 

 
L’80% della raccolta rifiuti ancora in mano ai privati, cala la differenziata Più di 300 guasti al giorno ai bus Atac, ma il piano di riassetto non parte Stampa E-mail
Domenica 18 Giugno 2017 17:26

Roma, un anno di Raggi. Due ordinanze su tre sono dedicate alle poltrone

 

Se un anno di Virginia Raggi lo si giudicasse dalle strade attorno casa sua, si potrebbe nutrire il sospetto che la città abbia trovato il sindaco giusto. Piccoli e ordinati contenitori per la differenziata, raccolta porta a porta, un via vai continuo di mezzi. Se non fosse per la piaga delle buche e delle radici, certe vie di Borgata Ottavia sembrano uscire da uno spot di pubblicità progresso. Purtroppo l’attenzione al decoro in certi angoli dell’Urbe abitati dai politici è una tradizione dell’Ama che non conosce colore. L’illusione di un’altra Roma dura lo spazio di qualche centinaio di metri, ciò che separa la realtà dalla rappresentazione. Basta imboccare Via di Casal del Marmo e Roma riprende le sembianze note ai più. È di questi giorni l’ennesima emergenza rifiuti. 

Il poltronificio

Per capire quanto disti un anno di realtà dalla rappresentazione che ne fanno i suoi vertici, proviamo a fare un bilancio del governo Cinque Stelle della Capitale partendo dai numeri. Per valutarli abbiamo chiesto più volte un incontro al sindaco Raggi, la quale ha rifiutato senza spiegazioni. Partiamo proprio dalle ordinanze del sindaco: su 227 atti ben 149 – i due terzi - hanno a che fare con nomine, revoche o deleghe assegnate ad assessori e dirigenti. Stessa cosa è avvenuta in Giunta: su 258 delibere, 75 – più di un terzo - riguardano l’assunzione di personale esterno. La Raggi ha passato gran parte del tempo da sindaco a occuparsi di poltrone: la sua giunta ha messo a contratto 102 collaboratori esterni, dodici in più di quelli nominati da Ignazio Marino, quindici in più dell’era Alemanno. Si dirà: il primo anno serve a scegliere persone di fiducia. Per lei è stata un’operazione particolarmente complessa, e va oltre la fisiologia del cosiddetto spoil system. Nonostante i tentativi (quattro), alla macchina comunale del Campidoglio mancano ancora il capo di gabinetto e due assessori (Lavori pubblici e Servizi sociali). In un anno sono cambiati il vicesindaco, l’assessore all’Ambiente, quello all’Urbanistica, due volte il titolare del Bilancio. Solo all’Ama si sono avvicendati quattro amministratori delegati e due direttori generali. E non è finita qui: entro la fine dell’anno c’è da rinnovare il consiglio di amministrazione di tutte le società partecipate per le quali è stato introdotto l’obbligo dei tre componenti.  

L’Ama non cambia

L’Azienda dei rifiuti è la chiave del successo o del fallimento del governo Cinque Stelle della città. Lo smaltimento dei rifiuti a Roma costa quattro volte quello di Milano, perché Ama è in grado di trattarne appena il 20 per cento: il resto lo paga ai privati e per trasportare l’immondizia in giro per l’Europa. Fra promesse di “modelli spagnoli”, “chilometri zero” e “riutilizzo totale degli scarti” nell’ultimo anno la situazione è persino peggiorata. Nel tentativo disperato di tenere al riparo le strade dai rifiuti ingombranti e da certa maleducazione, la percentuale di raccolta differenziata è scesa al 42 per cento, un punto in meno di un anno fa e in controtendenza rispetto al +8 per cento degli ultimi anni fa. Il nuovo piano industriale ridurrà gli investimenti: invece dei 300 milioni previsti per la creazione di nuovi ecodistretti e l’acquisto di mezzi, ne resteranno solo 110 per i mezzi. Nel frattempo l’unica decisione concreta è stata quella di affossare il progetto per il nuovo impianto di compostaggio a Rocca Cencia, inviso ai residenti. Da maggio a oggi ci sono stati tre strani incendi in altrettanti impianti di trattamento dei rifiuti: a Castelforte, Viterbo e Malagrotta. Di recente il ras del settore Manlio Cerroni ha annunciato che i due impianti dell’indifferenziata a Malagrotta non tratteranno più 1250 tonnellate di immondizia al giorno, ma solo 800. L’Ama sta tentando di aprirne uno nuovo a Ostia, ma a ottobre si vota nel Municipio e i vertici del M5S della zona sono contrari. Risultato: negli ultimi giorni nei quartieri a est della Capitale la situazione della raccolta è di nuovo al collasso. Sull’azienda incombe poi il rischio del dissesto finanziario: poiché il Comune sta pensando di togliere all’Ama la gestione diretta della tariffa sui rifiuti, il pool di otto banche capeggiato da Bnl minaccia la cancellazione di un finanziamento di 600 milioni. Alla faccia del chilometro zero, seicento milioni è quanto l’azienda stima di spendere nei prossimi quattro anni per far smaltire ai privati quattro milioni di tonnellate di rifiuti. Il piano dell’ex numero uno Daniele Fortini prevedeva entro il 2021 di far salire all’80 per cento la quantità di rifiuti trattata direttamente da Ama. Per la gioia dei privati l’ultimo piano industriale approvato – quello deciso dalla ormai ex numero uno Antonella Giglio – ha abbassato quella stima al 29 per cento. Non solo: secondo quanto raccontano fonti interne all’azienda, starebbe aumentando anche il numero di appalti affidati con trattativa diretta invece che con regolare gara.  

Riordino no grazie

In realtà gli atti rilevanti votati finora in consiglio comunale sono solo due: il via libera preliminare allo stadio della Roma e l’adozione di un nuovo regolamento sugli ambulanti che aggira l’obbligo di gara previsto dalla direttiva Bolkenstein già ribattezzato “salva Tredicine” dal nome della famiglia proprietaria di decine di camion e bancarelle. Su 179 delibere, due hanno riguardato l’urbanistica e i trasporti, una sola la cultura, una la scuola. L’unico atto sulla scuola degno di nota è però frutto di una proposta della capogruppo Pd Michela Di Biase che consente alle mamme di consegnare il latte materno negli asili nido.  

Annunci e sostanza

Se ci accontentassimo degli annunci la Raggi si meriterebbe un dieci. Prendiamo le strade. Il sindaco rivendica un piano buche e porta con sé le fotografie di alcuni tratti rifatti, ma nel frattempo per ovviare alla scarsa manutenzione, in tre arterie della città - Aurelia, Cristoforo Colombo e Salaria - è stato imposto il limite a trenta all’ora. Intendiamoci, governare una città come Roma non sarebbe facile per nessuno. A marzo la Raggi ha rimesso in strada 15 filobus nuovi fermi da tempo nei garage dell’Atac. Nel giro di 24 ore quattro mezzi erano già fuori uso per problemi tecnici. «Cuciniamo con quel che abbiamo», si difese la sindaca. La sindrome dell’annuncite è direttamente proporzionale alla scarsità delle risorse. Mentre l’Atac conta più di trecento guasti al giorno ad altrettanti mezzi, l’assessore alla Mobilità Linda Meleo porta in giunta un piano per l’introduzione di sei nuove linee del tram, tre funivie e il prolungamento della linea B della metropolitana. Peccato che l’unica certezza sia il caos attorno al futuro della linea C, le cui ruspe fanno mostra di sé ai fori imperiali. A novembre dell’anno scorso il consiglio comunale ha votato una mozione straordinaria per lo scioglimento di Roma Metropolitane, la società che gestisce il cantiere. Nel frattempo fra sindaco, consiglieri e assessori si è aperto il dibattito su dove fermare il tracciato: se al Colosseo, al Corviale o al Flaminio. Il solito Colomban, una sorta di commissario prefettizio della Raggi, ha spento il dibattito durante una riunione della Commissione trasparenza: Roma Metropolitane va avanti, mozione o non mozione.  

 

Fra le mura solenni dell’aula Giulio Cesare si consumano scontri epici non solo con l’opposizione del Pd e di Fratelli d’Italia, ma anche nella maggioranza bulgara del Movimento. Da un lato il sindaco e il braccio destro Daniele Frongia, sostenuti da Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, dall’altra i consiglieri romani guidati da Roberta Lombardi e Marcello De Vito. Quando il gruppo si ricompatta, il dissenso è soffocato. Ne sanno qualcosa Cristina Grancio e Gemma Guerrini, entrambe vicine all’espulsione per essersi opposte al progetto sullo stadio della Roma. In mezzo gli uomini mandati da Davide Casaleggio e Beppe Grillo a evitare il peggio: il già citato Colomban e il neopresidente dell’Acea, l’avvocato genovese Luca Lanzalone, delegato dal sindaco anche alla trattativa sullo stadio.  

I troppi no

I tecnici Colomban e Lanzalone appaiono come la quintessenza del realismo grillino. Per chi come la Raggi amministra la cosa pubblica e non ha sufficiente esperienza politica dire no è più semplice di un sì. Ad una olimpiade, a un nuovo impianto di trattamento dei rifiuti o allo scavo della metropolitana. Ma talvolta i no possono essere fatali all’immagine della città. Ne sanno qualcosa gli abitanti dell’Eur abituati alla vista di un ecomostro a pochi metri dalla nuvola di Fuksas. Fu uno dei primi atti della giunta Raggi: la revoca del permesso a costruire per il restauro delle torri. Sembrava la fine di una storia tutta italiana: dopo anni di tira e molla con gli altri azionisti, Cassa depositi e prestiti e Telecom si erano unite nel progetto per la costruzione della nuova sede del gigante telefonico. Il no dell’allora assessore Paolo Berdini ha offerto all’azienda l’alibi perfetto per rinunciare ad un progetto nel frattempo giudicato troppo costoso.  

Twitter @alexbarbera 

FONTE ALESSANDRO BARBERA LASTAMPA.IT

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 1657

Notizie Flash

 Svezia, portiere filmato mentre accorcia porta

 Kim Christiensen, portiere dell'Ifk Goteborg, e' stato filmato mentre cercava di spostare i pali per accorciare la propria porta.

Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information