Ulti Clocks content
Economia
Il Dl entra subito in vigore per garantire da domani lunedì 26 giugno la piena operatività bancaria di Veneto Banca e Popolare di Vicenza come componenti di Intesa PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Giugno 2017 20:08

Banche venete: CdM lampo da il via al salvataggio. A intesa più di 5 miliardi

 

 Un Consiglio dei Ministri convocato a tempo di record vara il Decreto con le norme per il salvataggio di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Disponibili 17 miliardi di euro, 5 dei quali destinati a Intesa. "Un intervento a favore di correntisti e risparmiatori e delle economie del territorio per evitare un fallimento disordinato", sono le parole del Premier Paolo Gentiloni a CdM concluso, che ha aggiunto: "Si è trattato di una decisione importante, urgente e necessaria".

Da parte sua, il Ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ha detto che "il Governo ha utilizzato le regole europee nel miglior modo possibile", ilustrando subito i particolari dell'operazione. Il Ministro ha precisato che l'importo complessivo delle risorse mobilitate è di 17 miliardi, anche se a Intesa, che rileverà le parti "sane" dei due Istituti, andranno a5,2 miliardi. Cifre che non impattano sui saldi di finanza pubblica, ha tenuto a spiegare Padoan, perché già parte del cosidetto decreto salva-banche.

Più precisamente, 4.785 miliardi occorrono per adeguare "i ratios patrimoniali di Intesa legati all'acquisizione delle good bank delle due venete e per affrontare i processi di ristrutturazione - ha detto ancora il titolare del dicastero dell'Economia - e gli oneri di ristrutturazione sono legati anche agli esuberi, e potrebbero valere circa 1,2 miliardi. A questi si aggiungono 400 milioni di garanzie per coprire i rischi legati dalla due diligence che sarà condotta da Intesa".

"Oltre a questi quasi 5 miliardi erogati immediatamente a favore di Intesa Sanpaolo - ha aggiunto Padoan - lo Stato è disponibile a impiegare ipoteticamente per l'operazione un ammontare complessivo massimo che più o meno è di 12 miliardi aggiuntivi".

Padoan ha anche spiegato che "un'altra voce riguarda crediti fino a 4 miliardi che sono ad alto rischio, ma in bonis. Essendo ad alto rischio è possibile che ci siano delle evoluzioni che peggiorino la qualità di questi crediti, sempre in linea teorica. Il Tesoro si aspetta di coprire in toto l'esborso di 5 miliardi a favore di Intesa Sanpaolo con una valorizzazione nel medio termine degli Npl (Non Performing Loans, ovvero "prestiti non performanti", vale a dire attività che non riescono più a ripagare il capitale e gli interessi dovuti ai creditori, n.d.r.) che confuiranno nella bad bank."

Il Decreto legge entrerà subito in vigore in modo da garantire immediatamente la normale operatività bancaria. "Le due banche venete - ha sottolineato Padoan - continuano a operare di fatto come componenti del gruppo Banca Intesa: non c'è nessuna interruzione, a partire da domani, dell'attività normale di sportello".

"Grazie al Decreto delle banche venete - ha commentato il Consigliere delegato di Intesa San Paolo, Carlo Messina - vengono messi in sicurezza 50 miliardi di risparmi e tutelati 2 milioni di clienti, incluse 200 mila imprese. L'integrazione delle due banche e del relativo personale sarà gestita senza licenziamenti, ma solo attraverso uscite volontarie".

Fonte teleborsa.it

 

 
Uno studio rivela che gli italiani sono pronti ad indebitarsi per 5000 euro PDF Stampa E-mail
Mercoledì 21 Giugno 2017 15:10

I prestiti per le ferie sono sempre più cospicui

 

Indebitarsi per andare in vacanza? Gli italiani appaiono sempre più disposti a non rinunciare al meritato riposo, anche ricorrendo a prestiti per somme cospicue ed a lungo termine.

Dal 1° gennaio al 31 maggio 2017, sono stati erogati oltre 33 milioni di euro per sostenere i costi di viaggi a breve, medio o lungo raggio.

Su oltre 60.000 domande di finanziamento, il 38% sono state presentate nel mese di maggio, evidenziando una tendenza a rivolgersi ai prestiti maggiore con l'approssimarsi del periodo estivo. Il profilo medio dei richiedenti è quello di un lavoratore a tempo indeterminato presso privati (76%), maschio (72%) e sui 42 anni, ma ben l'11% degli aspiranti vacanzieri risulta pensionato.

E' la fotografia scattata da un'inchiesta di Facile.it e Prestiti.it secondo cui i finanziamenti per le ferie sono mediamente di circa 5000 euro. Tale somma (corrispondente ad una rata mensile di 113 euro) è cresciuta del 7,7% rispetto all'anno scorso, mentre la durata media dei piani di restituzione si aggira intorno ai 4 anni.

 

fonte teleborsa.it

 
hamburgers made with fresh beef is seen at a McDonald's restaurant in Dallas, Texas, U.S. PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Giugno 2017 09:39

Will McDonald's customers wait for the new Quarter Pounder?

 

  A hamburgers made with fresh beef is seen at a McDonald's restaurant in Dallas, Texas, U.S. April 18, 2017. Picture taken April 18, 2017. REUTERS/Liz Hampton

Tracy Moore grew impatient as she waited for a Quarter Pounder recently in the parking lot of a McDonald's restaurant in central Dallas.

The burger, made with fresh beef and billed as hotter and juicer than the original made from a frozen patty, is part of the company's effort to serve tastier food.

But after about four minutes, it was Moore who was steamed. Like other customers who'd ordered the new Quarter Pounder at the restaurant's drive-through, she was asked to pull into a parking space and wait.

"If it's going to be that long every time, I won't order it. I'd go" elsewhere, said Moore, who hits the drive-through every morning for a Coke and dines frequently at the chain.

The tradeoff between time and taste looms large for McDonald's Corp as it works to win back business lost to rivals. The introduction of cooked-to-order, quarter-pound burgers made with fresh beef is part of the chain's attempt to improve food quality. Announced in March, the new sandwiches are already in selected test markets and are expected to be served in all U.S. stores by mid-2018.

But the success of the initiative may well hinge on satisfying important customers like Moore: speed-minded drive-through patrons who account for 70 percent of the firm's U.S. revenue.

An on-demand Quarter Pounder takes about a minute longer to land in a customer's hands than does the original sandwich, according to restaurant managers and analysts, even though fresh beef fries up faster than frozen patties. That's because grilling begins only after a patron orders. Traditional Quarter Pounders were often cooked up in batches ahead of time.

Every second counts in the fast-food business. McDonald's drive-through speeds already lag those of some major competitors, according to one widely watched survey. McDonald's does not share such data, but company representatives told Reuters earlier this year that service times have slowed.

Still, company executives are bullish on prospects for the popular Quarter Pounder, which accounts for about one-fourth of McDonald's U.S. burger sales. At an investor conference last month, Chief Executive Steve Easterbrook said the changeover has created fewer complications than expected and that restaurant operators are on board.

Some industry veterans, however, are skeptical. Richard Adams, a former Southern California McDonald's franchisee-turned-consultant, says convenience is paramount for the chain's patrons, who may go elsewhere if speed deteriorates.

"Any time the cooking process begins after the customer orders, the service time will be slower," Adams said.

The fresh-beef initiative comes as pressure builds on McDonald's kitchens.

Adams says restaurant crews already are juggling trickier menu items thanks to the recent national launch of McDonald's new "Signature Crafted" sandwich line, which allows customers to pick their own meat, buns and toppings. "Signature Crafted" quarter-pound burgers also will use fresh beef as it becomes available nationwide.

McDonald's cooks could be further strained by the chain's embrace of self-service kiosks and mobile ordering. The technology shaves ordering times, but can create new bottlenecks by swamping kitchens at peak hours, as companies such as Starbucks Corp have learned.

FRESH VS. FAST

The revamped Quarter Pounder is the latest move by Easterbrook to modernize the 60-year-old chain and reverse four straight years of traffic declines.

It's also a direct shot at Wendy's Co, Whataburger and In-N-Out. Those fresh-burger chains are among the fast-food rivals that McDonald's says have siphoned 500 million U.S. transactions from its stores since 2012.

Easterbrook's introduction of all-day breakfast in October 2015 was a big hit and has helped lift sales. The company's stock price is up more than 25 percent so far this year.

Analysts expect the fresh-beef push, along with moves to ditch artificial ingredients in popular items such as chicken nuggets, to bolster sales by addressing consumer demand for simpler, "cleaner" and fresher ingredients.

The Quarter Pounder makeover has won early support from analysts and McDonald's franchisees in the heart of cattle country, where the product has been tested for almost two years in about 400 stores in Oklahoma and Texas.

Three Dallas-area McDonald's managers who spoke with Reuters estimated the switch has improved their Quarter Pounder sales from 20 percent to 50 percent, albeit aided by advertising and coupons.

"We've been stealing customers from a Whataburger down the street," said Edgar Meza, a manager at a McDonald's restaurant in an upscale neighborhood in north Dallas. Officials at Texas-based Whataburger, a regional chain, declined to comment.

Some burger lovers are taking notice too.

"They're a little juicier," said Bob Riley, who was polishing off a Quarter Pounder at an outlet near Dallas' Deep Ellum neighborhood, his third McDonald's meal of the week.

"I think Wendy's woke them up," he said.

Joe Jasper, a former McDonald's executive who owns 20 restaurants in the Dallas-Fort Worth area, has been deeply involved in the effort. He described the new Quarter Pounder as "the best burger in our industry, but more importantly, (one delivered) at the speed of McDonald's."

Trouble is, the "speed of McDonald's" isn't as fast as that of many of its competitors.

The average service time at a McDonald's drive-through last year was 208.2 seconds, according to a study published by QSR magazine, an industry publication, using data from SeeLevel HX, an Atlanta-based business intelligence firm. That's well behind industry leader Wendy's at 169.1 seconds, according to the survey. Burger King, Dunkin' Donuts and KFC all beat McDonald's too.

McDonald's narrowed the gap with Wendy's by one-third from 2012 to 2016 by adding more drive-through lanes at some stores and by scrapping products such as "snack wraps," tortilla-wrapped sandwiches that proved time-consuming to prepare. Still, its average drive-through service time last year was almost 20 seconds slower than it was in 2012, according to SeeLevel HX data.

(For a look at drive-through speeds, see tmsnrt.rs/2sLWMqW)

Claudia Barcenas, assistant manager at a McDonald's off Dallas' Central Expressway, says her counter and drive-through staff inform patrons that fresh-beef Quarter Pounders can be delayed, particularly if the sandwiches are ordered well-done.

"We have to explain that it takes a bit longer. Perhaps a minute," Barcenas said.

Whether that's worth it for McDonald's customers remains to be seen as the experiment goes nationwide.

Juan Rodriguez waited on his lunch break for a fresh-beef Quarter Pounder at the drive-through of another Dallas McDonald's outlet about nine miles from Barcenas' store. At the three-minute mark, the 20-year-old was getting restless.

"If it's better, I don't mind waiting," Rodriguez said. "But if it tastes the same, then no."

(Editing by Marla Dickerson)

SOURCE  .reuters.com Lisa Baertlein and Liz Hampton 

 
L'ex compagnia di bandiera per mantenere la presenza sul JFK fa appello al Chapter 15 presso il tribunale della Grande Mela PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Giugno 2017 21:45

Alitalia per "salvare" lo scalo di New York apre procedura fallimento

 

 Non finiscono i guai di Alitalia con la nomina dei commissari e l'avvio della procedura di vendita. Le sue difficoltà finanziarie infatti si ripercuotono oltre i cieli nazionali, arrivando sino agli Stati Uniti.

La compagnia tricolore, secondo il Wall Street Journal, avrebbe avviato l'iter di fallimento presso il Tribunale di New York, nel tentativo di salvare l'accesso allo scalo JFK, hub cruciale per i voli internazionali della compagnia, che realizza almeno un 30% del suo fatturato sulle rotte statunitensi.

La decisione è stata presa poiché l'autorità statunitense, One Group Association, aveva minacciato di chiudere ad Alitalia lo scalo JFK per mancati pagamenti.

Tecnicamente, Alitalia ha fatto domanda per la protezione del "Chapter 15" del codice fallimentare USA, una procedura molto simile al Chapter 11, ma studiato per società estere con ampie operazioni in USA. La procedura di bancarotta, una volta avviata, blocca tutte le azioni dei singoli creditori, che confluiscono in un'unica procedura, talvolta finalizzata al risanamento.

 

 Fonte teleborsa.it

 
I segnali di accelerazione dell'economia italiana stanno giovando anche all'occupazione PDF Stampa E-mail
Venerdì 09 Giugno 2017 09:10

Lavoro, ISTAT: meno disoccupati e inattivi grazie alla ripresa economica

 Lo dice l'ISTAT nell'indagine trimestrale sul mercato del lavoro dalla quale emerge che nel primo trimestre l’occupazione ha mostrato una crescita congiunturale dello 0,2%, pari a +52 mila unità, grazie all’ulteriore aumento dei dipendenti (+78 mila, +0,4%) mentre tornano a calare gli indipendenti (-26 mila, -0,5%).

Il tasso di occupazione cresce di 0,2 punti rispetto al trimestre precedente mentre le ore complessivamente lavorate aumentano dello 0,3% sul trimestre precedente e dello 0,8% su base annua.

Da rilevare che tra i nuovi dipendenti prevalgono quelli a termine (+51 mila su un totale di 78 mila).

Per quanto riguarda il confronto annuale, ossia tra il primo trimestre del 2017 e l'omologo periodo dell'anno precedente, gli occupati sono cresciuti di 326 mila unità (+1,5%). Anche in questo caso, più dei due terzi dei nuovi posti è a termine.

Il tasso di disoccupazione è diminuito di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, con una riduzione congiunturale di 49 mila disoccupati, mentre l’indicatore rimane stabile in confronto a un anno prima.

Prosegue a ritmo sostenuto la diminuzione degli inattivi di 15-64 anni (-473 mila in un anno) e del corrispondente tasso di inattività.

Nel confronto tendenziale, la diminuzione dell’inattività è diffusa per genere, territorio e classe di età, e coinvolge sia quanti vogliono lavorare (-291 mila le forze di lavoro potenziali) sia la componente più distante dal mercato del lavoro (-183 mila chi non cerca e non è disponibile).

Dal lato delle imprese, l'Istituto nazionale di statistica conferma i segnali di crescita congiunturale della domanda di lavoro, con un aumento delle posizioni lavorative dipendenti pari allo 0,6% sul trimestre precedente, sintesi della crescita sia dell’industria sia dei servizi.

Le ore lavorate per dipendente tuttavia si riducono (-0,6%), anche se continua a diminuire il ricorso alla Cassa integrazione.

In termini congiunturali si registra un aumento dello 0,5% delle retribuzioni e dello 0,6% del costo del lavoro su cui ha influito la crescita accentuata degli oneri sociali (+1,2%), dovuta al graduale indebolimento degli effetti del vantaggio contributivo associato alle nuove assunzioni a tempo indeterminato degli ultimi due anni, spiega infine l'ISTAT.

 

fonte teleborsa.it

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 216

Notizie Flash

E siamo ai confetti. Non proprio all’altare di Monterosso, sebbene la speranza sia l’ultima a morire e palpiti sommessamente sotto l’ala protettrice dei riti alternativi.
Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information