Ulti Clocks content
Tecnologia
Una connessione Internet mobile ad Alice ha provocato un conto astronomico Stampa E-mail
Giovedì 26 Marzo 2009 12:44

46.000 euro di bolletta con la chiavetta dati. Tim assolve l'utente

Una connessione Internet mobile ad Alice ha provocato un conto astronomico. Ma l'operatore, bontà sua, crede alla buona fede del cliente e gli dà la "grazia".

 

 

 

 (ZEUS News ) - Un uomo di Rozzano, Salvatore Sica, tempo fa ha acquistato due Sim per i cellulari Tim dei figli scegliendo il piano Tim tutto compreso professional 45 e una terza scheda per sottoscrivere l'offerta Alice mobile 100 ore, combinando il tutto nel pacchetto Multibusiness All Inclusive e prevedendo così di pagare ogni bimestre circa 270 euro.

Dopo due mesi è arrivata la prima bolletta, che però ha riservato una sorpresa decisamente spiacevole: Tim gli comunicava che avrebbe dovuto pagare più di 46.000 euro.

Ripresosi dal colpo, il signor Sica ha contattato l'operatore per capire come sia stato possibile raggiungere una cifra del genere; Tim ha effettuato i controlli del caso, rilevando che era tutto regolare e che pertanto l'uomo doveva pagare.

Sica si è rivolto al Codacons e a un avvocato, ottenendo un'udienza di conciliazione con la compagnia fissata per il prossimo 23 aprile e riuscendo a chiarire finalmente la situazione: a causa di uno scambio di Sim, nella Internet Key di Alice Mobile era finita la scheda sbagliata. Di qui, la fattura astronomica.

È a questo punto che si

È a questo punto che si è verificata la parte consolante della vicenda: informata di com'erano andate le cose, Tim ha deciso di credere alla buona fede del signor Sica e dei suoi familiari, e ha annullato la bolletta.

 

 

 
Da lunedì sera, il sito è irraggiungibile sia a Pechino che a Shangai Stampa E-mail
Mercoledì 25 Marzo 2009 10:13

 

La Cina oscura YouTube
"Ma non temiamo internet"

 

PECHINO - La Cina non ha paura di Internet, ha assicurato il suo ministero degli Esteri, ma YouTube, uno dei siti più amati, è di nuovo inaccessibile ai visitatori cinesi dalla tarda serata di lunedì.

La pagina iniziale del popolare sito non si apre oppure invia un messaggio di errore, tanto a Pechino, che a Shanghai o in altre città del Paese.

Esattamente come in altre occasioni, il governo cinese non ha spiegato le ragioni del blocco, che arriva dopo che la marina statunitense ha 'postato' sul sito di video-sharing i filmati sull'incidente, avvenuto nel Mare del Sud della Cina, tra otto pescherecci cinesi e una nave da guerra Usa.

Sollecitato sulle ragioni del blocco, il portavoce del ministero degli Esteri ha ribadito che la Costituzione afferma "chiaramente la libertà d'espressione", ma stabilisce alcuni limiti "attingendo alle esperienze di Paesi come gli Usa e il Regno Unito".

"Molte persone - ha poi aggiunto - hanno la falsa impressione che il governo cinese tema Internet", ma la cifra degli internauti cinesi (300 milioni, la comunità di utenti più grande del mondo) dimostra "che è esattamente l'opposto".

fonterepubblica.it

 

 

 

 

 
Personal Video Recorder Mysky Stampa E-mail
Sabato 21 Marzo 2009 16:01

Un decoder e la televisione digitale in alta definizione è "fai da te"

di Gianni Rusconi il sole24ore.it

"Tecnicamente viene definito "Personal Video Recorder", visivamente è uno dei tanti scatolotti da posizionare alla Tv a schermo piatto.

Ma è a livello funzionale che un decoder come MySky, lanciato in Italia dalla società di Rupert Murdoch a fine 2005, promette di fare la differenza per l'utente per quanto riguarda le modalità di fruizione dei contenuti a palinsesto.

Il concetto di Tv on demand che ha accompagnato anni addietro l'avvento della televisione digitale via satellite è quindi ormai "superato": oggi al telespettatore viene proposta la possibilità di attivare servizi per cambiare il modo di guardare la Tv, rendendola ancora più personale e interattiva.

Oggi il vecchio "set-top-box" ha lasciato il posto a un dispositivo che, oltre ad abilitare l'accesso a tutti i pacchetti Sky, ha dalla sua funzionalità per rivedere, registrare e archiviare in qualsiasi momento della giornata i programmi preferiti, senza la necessità di utilizzare videocassette, Dvd o altri supporti.

In MySky è infatti integrato un hard disk come quelli di un normale computer e con una capacità di archivio di circa 60 ore di filmati video.

Si può registrare dalle trasmissioni originali, con il vantaggio di mantenere la qualità digitale della visione in diretta, e si può anche impostare la registrazione direttamente da Internet, grazie a un apposita funzione ("Rec on line").

Tutto ruota, e gli utenti della pay Tv satellitare più smaliziati lo sanno bene, intorno a sei tasti del telecomando fornito in dotazione con il decoder.

Ai sei tasti corrispondono le sei funzioni principali di MySky: playback, pausa programma in diretta, replay istantaneo, registrazione di uno o più programmi (dalla guida digitale o direttamente durante la visione), registrazione automatica e accesso a "My Channel", canale all'interno del quale poter costruire il proprio palinsesto televisivo.

La nuova frontiera della televisione si chiama però alta definizione (sebbene i programmi disponibili in formato Hd siano ancora una minoranza) e quindi anche il decoder digitale non poteva non tenerne conto.

Per questo chi oggi desidera essere al passo con quanto mette a disposizione la tecnologia video può pensare di ricorrere a un decoder ad alta definizione - MySky Hd - che permette di registrare fino a 90 ore di programmazione (su un disco integrato da ben 250 Gbyte) e di trasmettere con una qualità di immagine cinque volte superiore a quella standard.

Nella televisione che cambia, che si appresta ad abbandonare per sempre l'era analogica per sposare in tutto e per tutto la rivoluzione digitale un ruolo fondamentale ce l'hanno e ce l'avranno i decoder.

Sempre più capaci, avanzati (tecnologicamente) e pure belli da vedere. Almeno così ci dicono".

GRANDE GIANNI RUSCONI!!

21 marzo 2009

 

 
Cosi' la bozza di conclusioni del vertice di Bruxelles Stampa E-mail
Venerdì 20 Marzo 2009 14:41

 

Ue: strategia per banda larga

 

 

(ANSA) - BRUXELLES, 20 MAR - Elaborare una strategia europea della banda larga entro la fine del 2009, in stretta collaborazione con gli operatori del settore. E' l'invito che il Consiglio Ue rivolge alla Commissione nella bozza di conclusioni del vertice in corso a Bruxelles. Sarebbe cosi' stata accontentata la cancelliera tedesca Angela Merkel che tanto avrebbe insistito sull'inserimento di un passaggio che evidenziasse la necessita' di promuovere gli investimenti nel settore delle Tlc.

 

 
PRESENTAZIONE UFFICIALE Stampa E-mail
Mercoledì 18 Marzo 2009 11:38

Svelato iPhone OS 3.0: MMS e copia/incolla, ma manca Flash


 
 
 DI F.BOSSI PER COMPUTERBILD
 

"Il firmware 3.0 dell’iPhone è stato presentato ufficialmente, assieme a un nuovo kit di sviluppo che semplificherà la creazione di applicazioni per lo smartphone di Apple. Inoltre alcune nuove funzioni a disposizione degli sviluppatori permetteranno di realizzare programmi in grado di comunicare direttamente con altri iPhone, utilizzando il collegamento Bluetooth o Wi-Fi, oppure di sfruttare dispositivi esterni collegati allo smartphone tramite il connettore dock o via connessione wireless.
Apple ha mostrato, per esempio, un’applicazione medica, sviluppata dall’azienda LifeScan, progettata per chi soffre di diabete: un apposito dispositivo misura il livello di glucosio nel sangue e invia i dati all’iPhone, che grazie a uno storico dei dati è in grado di consigliare la dieta adeguata.
Un’altra novità interessante per gli sviluppatori, è la possibilità di creare programmi di navigazione Gps, come quella di Sygic che l’azienda ha mostrato anche al Cebit di Hannover, ma che finora era “proibita” da Apple"

.

 

 
<< Inizio < Prec. 131 132 133 134 135 136 137 138 139 Succ. > Fine >>

Pagina 131 di 139

Notizie Flash

 

Cipro, arrestate 42 'nonne' per gioco d'azzardo: la più anziana ha 95 anni

Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information