Ulti Clocks content
Tecnologia
Keplero va in orbita Stampa E-mail
Sabato 21 Febbraio 2009 09:22

 

 IN CERCA DELL'ALTRA TERRA

 

 

"E' iniziata la caccia al pianeta gemello della Terra.

Sta infatti per raggiungere la rampa di lancio, in Florida, il telescopio della Nasa Kepler.

Verrà mandato in orbita il 5 marzo, e allora, salvo imprevisti, prenderà il via una delle missioni più affascinanti della storia dell'astronautica: la ricerca di pianeti simili al nostro che orbitano intorno ad altre stelle.

In realtà, gli astronomi ne hanno già individuati 340, ma nessuno di essi ha caratteristiche simili alla Terra e soprattutto su nessuno di essi vi può essere la vita così come noi la conosciamo.

Sono troppo grandi (il più piccolo è stato trovato dal telescopio spaziale Corot e ha una dimensione di circa due volte la Terra, ma la sua temperatura superficiale è di oltre 1.000°C), oppure sono gassosi o troppo vicini o troppo lontani dalla loro stella per permettere di avere condizioni ideali alla vita.

"Kepler invece, si propone di scovare tra le stelle della nostra galassia pianeti rocciosi che orbitano intorno a stelle simili al nostro Sole in un'area ritenuta abitabile.

Gli astronomi definiscono "abitabile" una fascia di spazio intorno ad una stella dove la temperatura sia tale da permette all'acqua di scorrere liquida, in quanto quest'ultima è ritenuta indispensabile per originare e mantenere la vita", spiega Jon Morse, direttore della divisione di astrofisica della Nasa.

La Terra si trova proprio all'interno della fascia di abitabilità del nostro sistema solare.


Il telescopio Kepler getterà il suo occhio tra le stelle per circa 4 anni, scandagliandone grosso modo 100.000, nella regione della Via Lattea nota come Cigno-Lira.

Il telescopio infatti, deve puntare il proprio occhio in una regione che sia opposta a quella in cui si trova il Sole, altrimenti rischierebbe di rovinarsi e la regione scelta, che possiede tali caratteristiche, sembra avere anche una concentrazione di stelle simili alle nostre molto elevata.

Si ipotizza che a varie distanze dalle proprie stelle-madri siano centinaia i pianeti con dimensioni terrestri. Da uno studio statistico realizzato dalla Nasa risulta che se pianeti di tipo terrestre fossero abbondanti in fasce abitabili, Kepler ne scoprirebbe a dozzine".

Di Luigi Bignami Repubblica.it

 

 

 
Notizie dal Mobile World Congress di Barcellona Stampa E-mail
Venerdì 20 Febbraio 2009 07:06

 

     CELLULARI TUTTO TOUCH

                                                     

  DI MARIO CIANFLONE

"Oriente è febbre Touch e anche gli americani rilanciano sul comando a polpastrello, mentre i finlandesi fanno i pragmatici e tornano a scommettere sulla posta elettronica da taschino.

Da una parte, cellulari che incrociano le funzionalità dei Mid, degli internet device quindi, con quelle delle console portatili per videogiochi e quelli, che una volta chiamavamo cellulari, diventano gadget per l'entertainment digitale con display che offrono una definizione mai sperimentata prima oppure si trasforamno in gadget per il social network.

La comunicazione passa così un secondo in secondo piano.

Dall'altra parte, invece, si nota una spinta verso la concretezza, verso tastiere fisiche comode dai usare e studi efficaci di ergonomia, per comunicare in voce e in testo, per navigare sul web mobile senza troppa fatica anche con uno schermo di 3-4 pollici.

 Ecco, in sintesi uno spaccato del mondo della telefonia mobile così come appare dal Mobile World Congress di Barcellona. I coreani, Samsung ed Lg, hanno fatto a gara nell'annunciare smartphone che si gestiscono in punta di dita. Come se il mondo fosse tutto li, quasi che non possano sopportare l'idea di avere un concorre in più: quella Aple con l'Phone del quale si attende la seconda generazione. I nuovi modelli orientali sono tutti molto votati all'entertainment così come quelli di Sony Ericsson, dove spicca iDou e W995.

Microsoft, invece, rinnova finalmente Windows Mobile con l'edizione 6.5. Si tratta di un aggiornamento rilevante: è, come ha spiegato Steve Ballmer, numero uno del gigante Usa, un cambio di netto prospettiva. Basta computer palmari che telefonano, addio Pda con l'icona della cornetta: arrivano i Windows Phone. Stop, dunque al vecchio stilo, la nuova interfaccia

è fatta a misura di dita, con icone esagonali poste in modo sfalsato rispetto all'interfaccia "a matrice" di iPhone. Migliorato il browsing su internet che ora offre un'esperienza d'uso decente. Tutto il sistema pare essere un netto passo avanti, quasi un'anticipazione del futuro Windows 7 Mobile".

 
IN FUTURO NIENTE CONTANTI Stampa E-mail
Mercoledì 18 Febbraio 2009 09:36

 

 

TRA 6 ANNI ADDIO A BANCONOTE E MONETE?

 

 

 

ROMA - Carte di credito, denaro elettronico e telefonini.

Sono gli strumenti che, già oggi, stanno erodendo l'uso del contante.

Ma quanto siamo lontani da un futuro senza monete e banconote?

Secondo i profeti della "cashless society" l'obiettivo è a portata di mano, e il sorpasso del denaro virtuale su quello sonante è già fissato per il 2015.

Lo conferma un rapporto dell'Apacs, l'associazione inglese per i servizi di pagamento, citato in una servizio della Bbc. Ma analisti e industria sono più cauti, e la crisi in atto potrebbe ulteriormente rallentare il processo.

L'agonia del contante sembra irreversibile.

Secondo i dati più recenti diffusi dalla Banca centrale europea, dal 2002 le transazioni cashless sono cresciute a un ritmo del 7 per cento annuo, sfiorando il totale di 74 miliardi.

La parte del leone la fanno le carte di credito, con il 37 per cento del totale, seguite dai bonifici e dagli addebiti diretti. Si tratta, evidentemente, di strumenti legati a spese di una certa entità.

Nei micropagamenti, quelli da pochi euro, il contante la fa ancora da padrone.La soluzione, giurano gli esperti, si chiama "contactless": nel bancomat o nella carta di credito viene inserito un chip che, passato nei pressi di un apposito lettore, se la transazione è di pochi euro, la fa scattare immediatamente.

Basta una strisciata, e il pagamento è fatto.

Senza dover stare a cercare le monete o a contare il resto.

fonte repubblica.it

 

 
IN TRIBUNALE A STOCCOLMA Stampa E-mail
Martedì 17 Febbraio 2009 17:22

 PROCESSATI I PIRATI

 

                                                        A CURA DI EDOARDO RIGHI

 Un'aula di tribunale a Stoccolma è stato l'ultimo approdo  dei titolari di The Pirate Bay, il p2p più famoso del momento.

Peter Sunde Amministratore Delegato ed il suo strettissimo Staff devono difendersi dall'accusa di aver permesso e favorito la violazione del diritto d'autore.

La International Federation of the Phonographic Industry è la grande accusatrice.

Secondo la IFPI, infatti, The Pirate Bay avrebbe consentito l'accesso a circa un milione e mezzo di contenuti multimediali mensili.

Fredrik Neji, Gottfrid Svartholm War e Peter Sunde  dichiarano che Pirate Bay non ospita sui propri server i contenuti .

E',invece un grande motore di ricerca per i files ,ma non interviene direttamente nello scambio degli stessi tra gli utenti.

Quindi niente download illegale.

Battaglia lunga e dura,vedremo.

 
CHIPSET A MENO DI 150 DOLLARI Stampa E-mail
Sabato 14 Febbraio 2009 09:49

 SMARTPHONE:RIVOLUZIONE PREZZI IN ARRIVO

 

 Qualcomm presenta un chipset tutti i principali sistemi operativi destinato ai supercellulari al di sotto dei 150 dollari.

il nuovo chipset MSM 7227 progettato specificamente per gli smartphone nella fascia di mercato al di sotto dei 150 dollari.

La soluzione MSM7227 offrirà capacità di calcolo e funzionalità multimediali avanzate, utilizzando le tecnologie HSDPA/HSUPA per supportare il traffico dati in banda larga sulle reti 3G.

Supporta inoltre tutti i più importanti sistemi operativi, compresi Android, Symbian S60, Windows Mobile e BREW Mobile Platform.

Il nuovo chipset MSM7227 presenta un processore da 600 MHz con unità floating point, application DSP da 320 MHz, processore modem 400 MHz, grafica 3D hardware accelerated, Bluetooth 2.1 e GPS integrati, fotocamera da 8 megapixel, codifica e decodifica video WVGA da 30 fotogrammi al secondo, e supporto display.

I produttori che già utilizzano i chipset Qualcomm serie MSM7xxx possono migrare alla piattaforna MSM7227 con facilità, in quanto il software è praticamente identico e la disposizione dei pin è molto simile.

Il chipset MSM7227 ha dimensioni contenute – 12x12 mm – e un consumo energetico inferiore rispetto ai precedenti chip delle serie MSM7xxx.

Il chipset MSM7227 è attualmente nella fase di prova e si prevede che Smartphone basati su questo chip entrino in commercio nel corso di quest'anno.

 

 

 

 
<< Inizio < Prec. 131 132 133 134 135 136 137 138 Succ. > Fine >>

Pagina 134 di 138

Notizie Flash


lavori bizzarri per vincere la crisi

C'E' un'Italia che non va. Quella dei disoccupati, dei precari, di chi cerca lavoro. E ce n'è un'altra, sfaccettata, eroica e anche ironica, che sopravvive nonostante la crisi.

Leggi tutto...

Meteo Roma

Joomla Templates by Joomlashack

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information