In Italia #m5s, #roma e #pd sono i più usati nell'ultimo anno Stampa
Venerdì 24 Agosto 2018 07:10

Twitter: l'hashtag festeggia 11 anni

 

 Spegne undici candeline l'hashtag, il simbolo del cancelletto che, se scritto prima di una parola, consente di individuare tutti i messaggi su quello stesso argomento pubblicati dagli utenti dei social. Il primo hashtag è stato usato su Twitter il 23 agosto 2007 e oggi, a distanza di 11 anni, sul microblog ne vengono usati 125 milioni al giorno.
    Hashtag è una parola composta da "hash", cancelletto, e "tag", etichetta. Il suo inventore è Chris Messina, un avvocato ed evangelista tecnologico che 11 anni fa su Twitter lanciò un'idea: "Che ne dite di usare # per i gruppi?".
    A partire dal quel cinguettio, l'hashtag si è evoluto ed è diventato parte del linguaggio comune: nel 2012 è stata la parola più usata dell'anno, e nel 2014 è stata ufficialmente certificata con l'ingresso nel dizionario inglese Oxford.
    In Italia negli ultimi 12 mesi l'hashtag più usato su Twitter è #m5s, seguito da #roma, #pd, #salvini, #italia e #renzi. La tv interrompe la politica al settimo posto della classifica, con #gfvip. A seguire #dimaio, #nominoermalmeta e #napoli.
    A livello internazionale, Twitter pone l'accento sugli hashtag che seguono la scia di #MeToo, #BlackLivesMatter e #EqualPay, sensibilizzando sui diritti umani, la violenza sulle donne o l'accesso ai prodotti sanitari. Tra questi si segnala #PadManChallenge, portato avanti dalle star di Bollywood per contrastare il tabù delle mestruazioni in India e favorire la diffusione di assorbenti. In Senegal ha avuto risalto #Touchepasa?moncorps, contro la mutilazione genitale femminile.
    In Italia nel febbraio scorso la chef Cristina Bowerman ha lanciato #iotornoacasadinotte per una maggiore sicurezza stradale a Roma.
  

 

FONTE ANSA.IT

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information